Varie ed eventuali

Spunta un altro caso a Bibbiano riconducibile all’inchiesta Angeli e Demoni

»

Bimba sottratta ai genitori, nessuno sa dove sia,  Ad occuparsi del suo caso è stata l’assistente sociale che ha ammesso: “Falsificavo le relazioni”

 

REGGIO EMILIA (30 Luglio 2019).  Emerge un nuovo caso nell’orrore del sistema in atto da anni al Servizio sociale Val d’Enza del Comune di Bibbiano, scoperchiato dall’inchiesta giudiziaria “Angeli e demoni”. Una famiglia sta vivendo un incubo: dopo anni di relazioni positive, improvvisamente queste cambiano, diventano pesantissime, accusano il padre di abusi.  La bimba sparisce chissà dove. «Ad occuparsi del suo caso è stata, guarda caso, l’assistente sociale indagata nell’inchiesta “Angeli e demoni”» rivela l’avvocato Francesco Miraglia, «la stessa che davanti al giudice per le indagini preliminari ha ammesso che avrebbe falsificato le relazioni, sottoposta a forte pressione da parte dei suoi superiori. Perché non dovrebbe essere così anche per la famiglia che assisto, vista l’incomprensibile assurdità della vicenda?».

In provincia di Reggio Emilia una coppia ha una bimba, il padre lavora, la madre però è fragile e non sa occuparsi con maturità della piccola. Pertanto la bimba vive dapprima in comunità con la mamma, poi viene affidata agli zii e continua a vedere i genitori, che nel frattempo seguono un ottimo percorso di sostegno, tanto che la psicologa e l’assistente sociale che li supportano da anni, restituiscono loro la figlia. Inspiegabilmente, dopo un paio di anni, però, la stessa assistente sociale denuncia al Tribunale dei minorenni che la bambina avrebbe riferito che il padre l’avrebbe toccata. Senza prove, senza riscontri portano via la piccola da casa. Non l’hanno nemmeno riaffidata, come in precedenza, agli zii. Portata via e sistemata in un luogo sconosciuto. Sono anni che la sua famiglia non ha più notizie di lei. «E’ chiaro che anche questo caso sia stato montato ad arte per gli scopi di cui sono indagati vari professionisti nella recente inchiesta, tra cui proprio l’assistente sociale» prosegue l’avvocato Miraglia. «Chiediamo pertanto che la ragazzina torni a casa e, nel frattempo, abbiamo sporto denuncia contro la psicologa e la suddetta assistente sociale, per abuso d’ufficio, falso ideologico, maltrattamento, lesioni personali e, il più grave di tutti, la sottrazione di persona incapace».

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.