Sospeso il trasferimento di un bambino in una comunità diurna

untitled

 

Il Tribunale dei minori di Venezia accoglie il ricorso presentato dalla madre, che avrebbe dovuto portare il figlio ogni giorno in provincia di Venezia a spese proprie

 

PADOVA. «Possibile che in tutta la provincia di Padova non esista un centro diurno in grado di accogliere un minore, ma che si debba trasferirlo quotidianamente in provincia di Venezia, a spese del genitore per giunta?». L’avvocato di Modena, Francesco Miraglia, è stupito e perplesso e altrettanto deve esserlo stato il giudice del Tribunale veneziano che si occupa dei minori, visto che dopo appena un paio di giorni dal deposito dell’istanza di revoca, ha sospeso il provvedimento di trasferire il ragazzino undicenne e ha chiesto maggiori delucidazioni ai Servizi sociali di Piazzola sul Brenta (Padova). I quali, all’interno di una vicenda che vede il padre del piccolo indagato per abusi sessuali commessi contro di lui, avevano invece programmato un percorso di allontanamento dalla madre, che si oppone agli incontri tra padre e figlio. «Secondo il progetto stilato dai Servizi sociali territoriali, la mamma del ragazzino avrebbe dovuto tenere con sé il figlio soltanto la notte e portarlo ogni giorno alla struttura diurna di Marghera» precisa l’avvocato Miraglia, «che dista da Padova 50 chilometri, accompagnandolo alle 8 e andando a riprenderlo alle 18.  Si troverebbe, pertanto, a compiere il tragitto quattro volte in una giornata. E questo ogni giorno della settimana, weekend compresi». 

Il legale ha calcolato che per le 120 volte al mese che la madre dovrebbe compiere il tragitto Padova-Marghera, arriverebbe a percorrere 6 mila chilometri e a spendere mensilmente 2.500 euro: per la madre un provvedimento simile risulterebbe dispendioso e incompatibile con qualunque tipo di attività lavorativa.

E si verrebbe a sradicare completamente il ragazzino dalla realtà in cui vive, dalla sua scuola e dagli amici, oltre che dalle sorelle: il progetto, quindi, non tutela certo il minore e non va nella direzione di garantirgli una serenità e un benessere psicofisico. Che ha già in parte raggiunto, con un maggiore serenità e integrazione con gli amici coetanei, da quando non è più costretto agli incontri protetti con il padre.

Sulla base quindi dell’istanza presentato dalla madre, il Tribunale di Venezia ha sospeso il provvedimento e chiesto ulteriore documentazione ai Servizi sociali, che hanno redatto il progetto riferendosi a visite e colloqui con il ragazzino che risalgono ad oltre un anno fa.

«Se questo è lo standard dei provvedimenti messi in atto dai Servizi sociali» conclude l’avvocato Miraglia «mi chiedo se non sia il caso di promuovere dei corsi di aggiornamento, perché non si capisce quale utilità possa portare al benessere del bambino questo percorso di totale sradicamento dal proprio contesto familiare e sociale, che si configura, alla fine, più come una sorta di trasferimento coatto». 

La redazione