Avvocato. Cassazionista-penalista del Foro di Roma, esperto di Diritto di Famiglia e Diritto Minorile; giornalista-pubblicista; mediatore familiare (Iscra di Modena 2012); mediatore criminale e inteligence nell’investigazione (Istituto Universitario dell Mediazione Vibo Valentia 2013); docente e direttore di master all’INPF (Istituto Nazionale Pedagogia Familiare) Roma; presidente Comitato Scientifico Associazione “Pronto Soccorso Famiglia” Milano; medaglia d’oro Premio internazionale “Maison des Artistes” 2012 per l’impegno sociale, conferito presso l’Università La Sapienza Roma.  Nel 2008 è stato premiato dal Comitato Cittadini Umani per l’impegno proficuo nella tutela dei diritti degli svantaggiati e, in particolare nella sorveglianza dei diritti fondamentali delle persone, (Milano). Nel  2011 è stato conferito dell’Alto riconoscimento “OGNI BAMBINO E’ UNA STELLA” (Verona)

Pur occupandosi principalmente di diritto penale, ama confrontarsi con qualunque situazione legale e con qualunque causa giudiziaria gli permetta di soddisfare il suo innato senso di giustizia. Anche a costo di non dormirci la notte…

Nel suo studio di Via Rainusso n. 176/A,  si avvicendano persone le più disparate, tutte accomunate dalla medesima impellente necessità di ricevere un’assistenza legale che non sia solo un arido e spesso sterile tecnicismo giuridico ma anche e soprattutto un conforto morale, una vicinanza esistenziale che aiuti, prima ancora che a non perdere la causa, a non perdere la fiducia nei propri diritti e, in ultima analisi, la fiducia nella propria dignità di esseri umani che la frequentazione delle aule di giustizia italiane mette così duramente e quotidianamente alla prova. Avv. Francesco Miraglia ha compiuto gli studi in Giurisprudenza presso l’Università di Modena.

E’ di gusti semplici e sinceri.

Ha una passione sfrenata per l’Inter. Ma in tutto quello che fa, del resto, mette passione. Forse è proprio questo il suo tratto distintivo: credere in ciò che fa. A Roma e in tutta Italia questa sua caratteristica l’ha già reso protagonista vittorioso di parecchie cause difficili, aventi come oggetto la tutela dei diritti degli svantaggiati e, in particolare, la violazione dei diritti fondamentali della persona.

Non ha esitato a sfidare perfino il potentissimo “cartello” delle Cooperative locali della Psichiatria, guadagnandosi per questo anche l’attenzione della stampa nazionale. In materia di “stalking” (“molestie assillanti”) è stato ospite di Bruno Vespa a “Porta a Porta” e intervistato da “Panorama” e dal “Corriere della Sera” per quanto riguarda le questioni riguardante i minori.  Delle sue avventure professionali si è già occupata anche Nunzia Manicardi nel suo libro “Casi da pazzi. Quando Giustizia, psichiatria e Servizi Sociali incrociano  la strada del cittadino italiano…”, Koinè Nuove edizioni, Roma 2007.

Un suo contributo tecnico è anche nel successivo libro di Nunzia Manicardi “Italiani da slegare, Contenzione la vergogna del silenzio”, Koinè Nuove Edizioni, Roma 2010.

Nel gennaio 2012 sempre a cura della scrittrice Nunzia Manicardi, veniva pubblicato il libro “Ridateci i Nostri figli – storie di bambini sottratti alle loro famiglie raccontate dal loro avvocato Francesco Miraglia” (Edizioni il Mulino-Modena) Collabora con varie riviste giuridiche e sempre su aspetti della mia professione con quotidiani nazionali e locali su questi temi ho partecipato frequentemente come relatore a convegni di livello nazionale insieme con autorevoli giuristi, magistrati, psichiatri, esponenti parlamentari e forze dell’ordine. Spesso è invitato come ospite ed opinionista da emittenti televisive e radiofoniche nazionali e locali (tra cui Rai e Mediaset).

Tra molti avvocati ho conosciuto anche quelli che somigliano all'avvocato Miraglia e che tendono a stabilire un vero rapporto di fiducia con il loro cliente, che vivono la loro professione come una scelta responsabile, una necessità ineludibile e sacra a cui ogni volta dare la loro personale e insostituibile risposta. Si tratta di quelle persone che fanno onore alla loro professione ed alla giustizia che servono e che quando sono anche preparate e capaci non solo vincono le cause ma consentono il ristabilirsi di uno stato di benessere e di pace là dove prima regnava il conflitto, il dolore e talvolta la disperazione.

Francesco BrunoCriminologo