MinoriPrimo Piano

Portarono in Slovenia la figlia: processo

Reggio Emilia, 1 giugno 2011 – È cominciato ieri, con la citazione diretta a giudizio, il processo a Massimiliano Camparini e a Gilda Fontana. L’accusa per loro è di sottrazione di minore, vittima la figlia di 5 anni. I fatti risalgono al marzo del 2010, quando i genitori, durante un incontro con la bimba, affidata ai servizi sociali, l’hanno portata via dalla struttura protetta dove si trovava, fuggendo in Slovenia.
 

Dopo diversi giorni, gli agenti della squadra mobile di Reggio erano riusciti a rintracciare i tre e a riportare la bambina in città. Qui era poi stata affidata alle suore del Cenacolo francescano, fino al suo rapimento, avvenuto il 16 luglio 2010 a Massa, dove la bimba si trovava in vacanza. Questa volta i genitori erano fuggiti in Svizzera. Per quest’ultimo episodio sono stati condannati a due anni e quattro mesi (con l’accumulo di pendenze prima sospese) per sequestro di persona.
 

Ieri mattina alle 9 sono comparsi nuovamente in aula, per la prima udienza del procedimento relativo alla fuga in Slovenia. Con loro il difensore, l’avvocato Francesco Miraglia, e lo psicologo Camillo Valgimigli, perito di parte. Si è trattato di una breve udienza interlocutoria, coi genitori seduti composti nel banco degli imputati. La tutrice della bambina, l’avvocato Sabrina Tagliati, si è costituita parte civile con l’avvocato Noris Bucchi. «Come per il processo di Massa — spiega la tutrice — la motivazione della costituzione è semplicemente quella di garantire i diritti della minore».
 

L’avvocato difensore Francesco Miraglia ha chiesto l’esame della bambina. Il giudice Cristina Beretti si è riservata di decidere in merito. Intanto l’udienza è stata fissata per il prossimo 6 dicembre quando verranno sentiti i testimoni del pubblico ministero: Antonio Turi, dirigente della squadra mobile, l’ispettore Mauro Malvolti e l’educatore Angelo Di Rita. Saranno inoltre sentiti i due imputati Massimiliano Camparini e Gilda Fontana.
 

E mentre in tribunale va in scena il processo penale, in televisione continua quello mediatico.
È annunciata per questa sera al programma «Chi l’ha visto?», in onda su Raitre, il seguito della puntata di mercoledì scorso. Questa sera verrà affrontato l’eventuale destino della bambina, allontanata dai genitori. Interverrà il presidente del tribunale dei minorenni di Bologna, Maurizio Millo, l’avvocato difensore Francesco Miraglia e il professore Camillo Valgimigli. Saranno presenti in studio i genitori della bambina.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.