Varie ed eventuali

Il caso di Anna Giulia discusso anche nella Capitale

By 20 Luglio 2011 No Comments

mercoledì 20 luglio 2011 Il presidente del Movimento nazionale Italia garantista, Zaccai: “Ci batteremo per restituirla ai genitori”

Da sinistra: i genitori di Anna Giulia, l'avvocato Miraglia, Pier Paolo Zaccai e il senatore Franco CardielloDa sinistra: i genitori di Anna Giulia, l’avvocato Miraglia, Pier Paolo Zaccai e il senatore Franco Cardiello

ROMA – Il caso di Anna Giulia, la bimba di 6 anni tolta dall’affidamento dei genitori, Massimo Camparini e Gilda Fontana, in attesa del pronunciamento del tribunale di Bologna, è arrivato fino a Roma, precisamente nell sede della Provincia. Ieri si è infatti tenuta una conferenza stampa in merito, su iniziativa di Pier Paolo Zaccai, consigliere del Gruppo misto nonché presidente del Movimento nazionale Italia garantista.
Il cammino intrapreso dalla famiglia con i servizi sociali è ovviamente molto lungo, dato che si parla di una vicenda che ha vissuto sopratutto nelle aule dei tribunali affondando le proprie radici almeno a tre anni fa. “Questo caso – ha commentato Zaccai – è purtroppo emblematico di una situazione più frequente di quanto non si creda, come dimostrano le testimonianze di molti genitori dal nord al sud dell’Italia ai quali i figli sono stati, per diversi motivi, sottratti dal tribunale per essere affidati a un istituto o a una famiglia. Un business sulla pelle dei bambini che ‘costa’ ai contribuenti 300 euro al giorno per l’ospitalità negli istituti, un migliaio per quella presso le famiglie, come ha fatto notare Francesco Miraglia, legale dei Camparini. Senza contare la sofferenza e il dolore per i piccoli strappati alle madri, alle loro case, ai loro giochi. Un danno che nessuno psicologo dell’età evolutiva potrà mai riparare. Uno shock difficile da superare”.

Del caso si era interessato anche il senatore del Popolo della libertà, Franco Cardiello, membro della Commissione straordinaria per i diritti umani, che ha raccolto l’appello del presidente Zaccai. Il senatore Cardiello, che ieri mattina ha partecipato all’incontro al quale erano presenti anche i genitori di Anna Giulia, oltre a molti genitori che stanno subendo la lontananza forzata dai propri figli, ha presentato un’interrogazione parlamentare. “Accadono cose gravissime”, ha dichiarato il senatore: “sono purtroppo a conoscenza di migliaia di ‘casi Camparini’ anche in qualità di avvocato penalista, casi nei quali occorre applicare il contraddittorio. Il 7 agosto prossimo”, ha proseguito Cardiello, “termine fissato per decidere dell’affidamento di Anna Giulia, se sarà necessario, saremo a Bologna. E’ un primo passo ed è un impegno preso con l’amico Zaccai. Prendo “l’impegno di incontrarci ancora, di nuovo, e di fare conferenze: ci batteremo anche a difesa degli altri genitori. Dobbiamo far capire ai magistrati di non avere paura: è una battaglia giusta”.

Massimo Camparini e Gilda Fontana, i genitori della piccolaMassimo Camparini e Gilda Fontana, i genitori della piccola

La decisione del giudice di affidare la piccola, allora di soli 3 anni, ai servizi sociali ha scatenato la reazione dei genitori, che in due diverse circostanze hanno provato a fuggire all’estero con Anna, prima in Slovenia e poi in Svizzera. Tanto che lo scorso anno i Camparini furono arrestati per sequestro di persona con l’aggravante della parentela. Sette mesi di carcere prima di tornare in libertà.
La vicenda ha avuto inizio nel 2007 con la richiesta da parte della procura di Reggio di perquisire dell’abitazione della famiglia Camparini alla ricerca di prove su un presunto traffico di droga. Il controllo ha avuto esito negativo, ma la presenza in casa di Anna Giulia, allora di due anni, ha indotto i carabinieri a far intervenire il tribunale dei minori per segnalare “un presunto stato fatiscente dell’abitazione”. Dopo l’intervento dei servizi sociali, la bambina è stata quinti tolta all’affidamento dei genitori e data in una struttura fuori dalla regione. Da qui è iniziata la battaglia dei Camparini arrivata il 25 maggio scorso sugli schermi televisivi, con i genitori ospiti della trasmissione di Rai Tre Chi l’ha visto.
“I diritti civili sono al di sopra dei colori politici: ci batteremo per restituire Anna Giulia ai suoi genitori”, ha dichiarato il presidente Zaccai, commentando l’interessamento del senatore Cardiello.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.