Primo Piano

Giudice denunciato ad Ancona

By 7 Novembre 2019 No Comments

 Avrebbe cercato di interferire nella diagnosi psichiatrica di una donna per garantire che la figlia rimanga affidata a una coppia di amici

(7 Novembre 2019). Forse persino peggio di Bibbiano quanto accade ad Ancona, dove un giudice si permette di intromettersi personalmente nel caso di una bambina, che da quattro anni vive con una coppia affidataria, una coppia di suoi amici, tra l’altro più volte ritenuta inadatta. Alcuni giorni fa ha incontrato di nascosto un professionista coinvolto nel caso, cercando di interferire nella diagnosi, pur di garantire la collocazione della bambina a questa famiglia affidataria e impedire alla piccola di tornare con la mamma. «La bambina non gliela ridaremo mai in quanto malata psichica» avrebbe detto chiaramente il giudice, che pertanto è stato denunciato dalla madre della piccola per abuso di ufficio, false dichiarazioni e lesioni personali. «Quanto è successo, oltre che inaudito è gravissimo» dichiara l’avvocato Francesco Miraglia, legale della mamma della bambina. «Abbiamo già denunciato in precedenza la coppia affidataria per maltrattamenti, per come condizionano la bimba, ostacolando in tutti i modi il rapporto con la mamma naturale. Ancora più grave quanto capitato alcuni giorni or sono: il giudice ha chiamato di nascosto la psichiatra, per cercare di capire se fosse dalla sua parte, se avvallasse l’allontanamento da casa della piccina. Inammissibile! La Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ancona deve assolutamente fare chiarezza».

Questo giudice ha mostrato un vero e proprio interesse personale in questa vicenda, nell’affidamento e nella collocazione della bambina, che ha affermato più volte di conoscere il magistrato, essendo stato ospite a casa della famiglia affidataria con cui vive; la chiama addirittura con il nomignolo con il quale la chiamano gli amici nella vita privata. E più volte durante le udienze il giudice ha “consigliato o meglio minacciato” la madre della bimba di ritirare le denunce mosse nei confronti della famiglia affidataria, sostenendo in udienza che dovrebbe farsene una ragione e di accettare di non rivedere mai più la figlioletta. Tra l’altro la donna vede pochissimo la bambina e per giunta nel corso di incontri protetti che deve pagare a proprie spese.

Dopo tanti pregiudizi si è arrivati al 21 ottobre scorso, quando il magistrato ha convocato privatamente un professionista coinvolto nel procedimento, ammonendolo a non rivelare nulla alla controparte e chiedendogli se fosse in linea con la diagnosi di malattia psichiatrica nei confronti della donna, perché quella bambina a casa non ci doveva tornare. Diagnosi sulla quale il professionista comunque non concorda, ritenendo pertanto inaccettabile un comportamento simile da parte di un giudice. Ha avvertito quindi il legale della donna, l’avvocato Miraglia, che ha chiesto l’immediata ricusazione del giudice e dell’intero collegio investito del procedimento e altresì che il fascicolo sia avocato al presidente del Tribunale per i minorenni di Ancona per le opportune valutazioni in merito e per la designazione di un diverso collegio, e che gli atti siano trasmessi alla Procura competente. «Questo modo “carbonaro”, fatto di sotterfugi, fa calare un’ombra sull’intero procedimento» prosegue l’avvocato Miraglia. «Chi garantisce la correttezza di altre decisioni assunte da questo giudice, che tanto sta facendo pur di tenere lontana questa bambina dalla propria madre?».

 

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.