Il giudice sono io! Bambino lasciato alla madre.

Daniele Bottallo / LaPresse
03 05 2012 Torino ( Italia )
cronaca
Processo a Beppe Grillo e No Tav per rottura sigilli cantiere Valsusa, tribunale di Torino
Nella foto: palazzo di giustizia
Daniele Bottallo / LaPresse
03 05 2012 Turin ( Italy )
news
Beppe Grillo and No Tav under process, Courthouse of Turin 
In the Photo: Courthouse

Ottimo e rivoluzionario decreto del Tribunale Ordinario di Torino Sezione Settima Civile – Famiglia

Le valutazioni psichiatriche non sono più un dogma in tribunale

Torino. “Il Tribunale non ignora la proposta di allontanamento del minore da entrambi i genitori da parte del Servizio di N.P.I. ma, allo stato, la ritiene poco praticabile e dagli esiti incerti, vuoi per le ragioni sopra indicate, vuoi per la considerazione che i principali aspetti di disagio del bambino paiono ricollegabili al conflitto separativo…” Con queste parole il Tribunale Ordinario di Torino, riunito in Camera di consiglio nelle persone del Presidente Dott. Cesare Castellani e dei giudici, Dott. Alberto La Manna e Dott.ssa Serafina Aceto, ha rigettato la proposta del Servizio di Neuropsichiatria infantile della ASL TO 2 di allontanare un bambino di soli sei anni dalla sua mamma e dal suo papà.

Come spiegheremo di seguito la notizia è molto importante e merita di essere pubblicata, anche se, per tutelare la privacy del bambino, preferiamo non entrare troppo nel merito. Diciamo solo che il decreto si colloca nell’ambito di una separazione molto conflittuale, per cui il Servizio di Neuropsichiatria infantile della ASL TO 2 era giunto a raccomandare l’allontanamento del bimbo da entrambi i genitori.

La Professoressa Vincenza Palmieri, Consulente Tecnico di Parte della madre, ha sottolineato l’importanza di fondare le valutazioni su basi oggettive: “Quando si fa una consulenza è importante, come tecnico, tenere conto della situazione oggettiva e difenderla, come abbiamo fatto in questo caso. L’atto peritale, come nella mia professione, deve avere un fondamento scientifico e basarsi su fatti e prove accertate e non su ipotesi o considerazioni soggettive dei vari operatori. Quando le conclusioni sono fondate su riscontri concreti, è possibile addivenire ad una decisione condivisibile e giusta che risolva la situazione.”

“Siamo molto soddisfatti della decisione del Tribunale.” Ha dichiarato l’avvocato della mamma Francesco Miraglia. “Per quanto concerne la giustizia minorile, ho sottolineato spesso nei Tribunali le criticità derivanti dall’appiattirsi sulle perizie degli psichiatri senza effettuare un’adeguata istruttoria, limitandosi ad un semplice copia incolla delle decisioni del consulente. Nel caso di specie i giudici hanno deciso di riprendersi il loro ruolo di Periti dei Periti e di fare un’istruttoria appropriata che li ha portati a rigettare la valutazione del Servizio di Neuropsichiatria infantile.”

Un altro aspetto molto positivo del decreto è il riconoscimento dei legami e degli affetti familiari. Infatti il Tribunale, pur disapprovando severamente alcuni comportamenti dei genitori, ha ritenuto opportuno mantenere i rapporti intra-familiari, in particolare con la madre: “… è verosimile, oltretutto, che un distacco dalla madre, con cui il rapporto, pur non equilibrato, rimane stretto, verrebbe dal minore vissuto in modo traumatico …”

Anche Paolo Roat, Responsabile Nazionale Tutela Minori per il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani, esprime soddisfazione per questa decisione: “A volte, in conformità con alcune teorie psichiatriche astratte di inadeguatezza genitoriale, si finiva per punire il minore per presunti difetti dei grandi. In questo caso il Tribunale ha deciso di mettere al primo posto il bene del minore. È un passo avanti molto importante e significativo.”

Join the discussion One Comment

  • Preso atto del risvolto “Positivo” (non negativo ma “Politico”) della decisione dei giudici, sento (però) il “DOVERE” di porre all’attenzione di quanti (interessati) nel n/s paese seguono le vicissitudini dei minori che per disparate motivazioni finiscono nelle “GRINFIE” dei T.M. Infatti, è mia convinzione che (solo) grazie alla “Feroce Tenacia” della madre (“GIORNALISTA”) si sia ottenuto tale risultato, allontanando “Lo Spettro” dell’allontanamento per “INADEGUATEZZA GENITORIALE” (definizione Empirica e Generica) che “SOLITAMENTE” i T.M. dall’alto della loro “ARROGANZA” sentenziano quando (poiché “Indefinita”) priva di contenuti fondati su “Fatti Concreti” gli consente “discrezionalmente” di incrementare il loro commercio di “CARNE UMANA” per cui il (Vero) motivo di “Tale Benevolenza” è stato dettato solo dalla “Visibilità Mediatica” della madre.

Leave a Reply