Category

Primo Piano

cameradeideputati.600

“Presidente Boldrini, rivoglio i miei figli”

By | Evidenza, Primo Piano, Varie ed eventuali | No Comments

Madre di Pordenone, vittima di un marito violento, si vede portare via i figli

 

PORDENONE. Che Stato di giustizia è quello in cui una donna, vittima di indicibili violenze da parte di un marito che non ha esitato a picchiarla a tal punto da romperle un timpano e la mandibola, si veda pure togliere i figli da un giudice che ravvisa nella vicenda una “conflittualità” tra la coppia? Si parla tanto di femminicidi, di violenza domestica in cui le vittime sono le donne: ma quando alcune di loro trovano la forza e il coraggio di denunciare gli abusi, si ritrovano a dover lottare contro le istituzioni, che le privano dei figli. Doppiamente vittime, quando mai riusciranno a rasserenarsi e a vivere la vita felice che meriterebbero? Ecco perché una di loro ha preso carta e penna e ha scritto direttamente alla presidente della Camera dei deputati, Laura Boldrini, invocando un suo intervento, come rappresentante dello Stato in primis, ma anche come donna.

«A questo punto le donne perché dovrebbero continuare a denunciare i loro aguzzini» dichiara l’avocato Francesco Miraglia, cui la signora si è rivolta, disperata, per avere tutela legale, «se poi trovano giudici come Gaetano Appierto, che a questa madre, che porta addosso i segni della violenza di un marito già condannato, in virtù della “conflittualità” insorta con il coniuge, allontana i figli da lei e li confina in una casa famiglia, da cui non è dato sapere se e quando usciranno mai, né quando potrà rivederli».

Lo stesso magistrato si è reso protagonista di fatti alquanto discussi: a marzo, mentre discuteva di una causa di separazione, avendo disposto che la figlia della coppia dovesse frequentare la scuola scelta dal padre, la madre angosciata si è allontanata e si è tagliata i polsi in bagno. Mentre a settembre ha deliberato in favore di una ventiseienne, da anni fuori corso all’università, che pretendeva la “paghetta” di mantenimento da parte del padre.

«Si parla tanto di tutela delle donne» prosegue l’avvocato Miraglia, «ma tutto si traduce in mere chiacchiere, venendosi purtroppo ad innescare un circuito vizioso in cui alla denuncia contro un partner violento si applica il concetto di conflittualità in famiglia, cui consegue l’allontanamento dei figli da casa. Potrei raccontarne a decine di casi simili. E’ necessario un cambio di tendenza, un’inversione di rotta e che le istituzioni preposte diano un segnale e vigilino su casi come questi, che si profilano come abusi».

 

Di seguito la lettera scritta dalla madre di Pordenone alla Presidente della Camera.

 

 

«Gentile Presidente Laura Boldrini,

sento il bisogno di rivolgermi direttamente a Lei in quanto spesso si è presentata come paladina dei diritti fondamentali delle persone ma soprattutto dei diritti della donna di essere rispettata nella dignità di donna e di madre.

Mi dispiace che spesso e volentieri quando si parla di violenza sulla donna si predichi bene e si razzoli male.

Si preparano convegni, cerimonie, si consegnano premi e riconoscimenti, ma ogni giorno donne come me sono costrette a subire violenze, maltrattamenti e angherie dai propri compagni e per quanto mi riguarda da mio marito.

Devo constatare, purtroppo, che la più grande violenza che ho subito è proprio da quelle istituzioni preposte a far valere i propri diritti, fare giustizia ed a dare dignità.

Sono una dirigente sposata con un imprenditore, madre di due bambini di 11 e 2 anni.

Da più di tre anni subisco violenze fatte da schiaffi, pugni, calci, timpano rotto e mandibola fratturata e soprattutto violenza psicologica e stalking.

Lo stesso destino, purtroppo, è stato riservato da mio marito anche ai due nostri figli.

Ho cercato di poter difendere me stessa e difendere i miei figli prima personalmente e poi denunciando alle forze dell’ordine prima, alla Procura della Repubblica dopo, ma ancora una volta, come accade sempre più spesso nel nostro paese le istituzioni sono forti con i deboli e deboli con i forti.

Mi sono rivolta al Giudice dott. Appierto del Tribunale di Pordenone per essere tutelata e il risultato è stato che non sono state prese in considerazione né le mie denunce fatte, né la condanna subita da mio marito.

 In altre parole, lo stesso Giudice, ha giustificato le botte di mio marito come se fosse normale che un marito possa mandare in ospedale la propria moglie.

Ancora più grave è che quel Giudice ha disposto anche l’allontanamento da me dei miei bambini che da due giorni si trovano in una Comunità e che ad oggi non so quando potrò vederli e abbracciarli.

Io sicuramente arriverò a farmene una ragione di questo stato, ma quando un giorno i miei figli mi chiederanno spiegazioni sul perché sono stati allontanati dalla propria casa e dalla propria mamma, cosa gli risponderò?

Chiedo a Lei Presidentessa, sempre in prima linea, di essere aiutata nel rispondere ai miei figli.

Con osservanza» 

IMG-20170807-WA0002

Dipendente Asl, in castigo di fronte al muro

By | Evidenza, Primo Piano | No Comments

REINTEGRATA AL LAVORO, TROVA LA SCRIVANIA CONTRO UN MURO ALLA FINE DI UN CORRIDOIO BUIO

 

BRESCIA (8 AGOSOTO 2017). Demansionata da ogni incarico, ma giudicata dalla commissione medica abile a svolgere qualunque tipo di lavoro, al rientro in ufficio una donna di Brescia si è ritrovata la scrivania girata verso un muro, alla fine di un lungo corridoio buio. Non può vedere nessuno, non ha una finestra. Alienante. «E’ un vero e proprio caso di mobbing, con il quale l’ente per cui la signora lavora sta cercando di crearle così tanto disagio da obbligarla ad andarsene» dichiara l’avvocato Francesco Miraglia, che tutela la donna. La quale fatica da tempo a stare nell’ufficio pubblico in cui è impiegata: ha delle difficoltà relazionali, ma i rapporti con i colleghi e i dirigenti si sono talmente tanto inaspriti che lei oltre ad essere stata demansionata per quasi tre anni, adesso è obbligata a lavorare rivolta contro un muro.

Da circa tre anni, da mille giorni, questa impiegata vive malissimo all’interno del proprio ambiente di lavoro, un ufficio pubblico. Ha problemi relazionali, è vero, ma dall’ente è stata messa in atto una vera e propria campagna di mobbing per obbligarla ad andarsene. Dapprima la demansionano, impedendole di fare qualunque cosa, asserendo che sia inabile a svolgere taluni incarichi. Ma la visita dal medico legale a marzo la dichiara invece adatta a svolgere le mansioni per cui è stata assunta. Solo che da allora non è cambiato nulla, nonostante la donna abbia chiesto ripetutamente al suo responsabile e all’ufficio del personale di venire reintegrata. Affigge pure un cartello alla propria scrivania in cui chiede, visto che è stata dichiarata idonea, che le diano un incarico. Ma non ottiene però nessuna risposta: anzi, ieri torna in ufficio, scopre che per lavori di ristrutturazione le scrivanie del suo settore sono state spostate in un altro padiglione, ma la sua, incredibilmente, è rivolta contro un muro, posizionata al termine di un corridoio. Quando pensava di essere uscita da un incubo, ci si è ritrovata catapultata nuovamente dentro, sentendosi completamente disumanizzata.

«Un atteggiamento inaccettabile» prosegue l’avvocato Miraglia, «alla faccia della legge Basaglia e della risocializzazione e ricollocazione nella società che la norma prevede, ma che, in questo caso, rimane disattesa e totalmente inapplicata. Chiediamo adesso che il direttore generale intervenga e che, quanto meno, ci incontri. Ma ci piacerebbe anche sapere se e come intendano intervenire le associazioni di categoria e i sindacati».

IMG-20170802-WA0002

“Ridateci i nostri figli!”

By | Evidenza, Primo Piano | One Comment

Sit-in di protesta davanti la casa famiglia: dopo dieci anni due genitori rivogliono con sé i loro figli

I bambini hanno chiesto di tornare a casa, ma il Tribunale non si è ancora espresso

 

BIELLA (2 agosto 2017). Maria Dolores e Gerolamo Rotta stamattina sono davanti alla casa famiglia in cui è ospitato uno dei loro figli, in un sit-in di protesta. Chiedono di poter finalmente riavere con sé i due figli minori, dopo dieci anni di allontanamento coatto stabilito dal Tribunale dei minori di Milano, che nel 2007 ha sottratto alla loro custodia i loro quattro bambini, dislocandoli in diverse strutture. Qualche anno fa i due figli maggiori sono scappati e adesso, maggiorenni, vivono con i genitori in Lombardia. I due più piccoli no, sono uno nella casa famiglia piemontese, davanti alla quale i genitori da stamattina protestano. L’altro, invece, il più piccolo, vive presso una famiglia affidataria. Separati, quindi. A marzo, dopo dieci anni, il Tribunale dei minori di Milano li ha finalmente ascoltati: i due ragazzini hanno espresso la volontà di rivedere maggiormente i genitori e di rientrare nella famiglia da cui sanno di provenire, ma di cui ricordano poco o niente. Quando sono stati allontanati dalla casa di Cernusco sul Naviglio, in provincia di Milano, in cui vivevano, non avevano nemmeno 5 e 3 anni. Ed è appunto la casa il motivo principale per il quale sono stati allontanati: i coniugi Rotta hanno “osato” chiedere al Comune un sopralluogo nell’appartamento pubblico che è stato loro assegnato, per la presenza di muffa e amianto. Ma dopo il sopralluogo, gli hanno tolto i figli. “Per “incuria e ipostimolazione” dirà il Tribunale. Ma i coniugi Rotta sostengono che vi sia una quantomeno “strana” coincidenza nel fatto che l’allora sindaco fosse l’amministratore della cooperativa che gestiva quelli alloggi pubblici.

«In Italia dieci anni di carcere non lo danno quasi nemmeno a chi commette un omicidio» sostiene l’avvocato Francesco Miraglia, cui i coniugi Rotta, ormai esasperati e disperati, si sono rivolti per un aiuto. «Che delitto possono avere mai commesso questi ragazzini? O forse è un reato nascere poveri? Non sarebbe stato meglio aiutare la famiglia a gestirli invece di strapparglieli per dieci anni: quanto è costato tutto questo, in termini di sofferenza, soprattutto ai minori, ma anche alle istituzioni, che ne hanno mantenuto l’istituzionalizzazione per un decennio?».

A questi bambini è stato negato di crescere e giocare come fratelli, di svegliarsi la mattina di Natale e di andare ad aprire i regali sotto l’albero tutti insieme. E’ stato negato loro il bacio della buonanotte della mamma. E’ stato persino impedito loro di vedere la nonna malata, sul letto di morte. Se ne è andata senza poter dare loro un ultimo bacio. Persino quando la figlia è stata operata, alla madre non è stato concesso di sederle accanto, nel letto d’ospedale, in un momento delicato in cui avere la mamma accanto per un bambino è davvero importante. Sono ragazzini istituzionalizzati, che nemmeno ricordano come si stava in famiglia, sebbene vogliano molto bene ai genitori e ai fratelli. «Non so chi sono, sono sconosciuto a me stesso, non so nemmeno se sono i miei veri genitori» ha detto uno di loro al Tribunale, che finalmente a marzo di quest’anno (i bambini sono stati allontanati da casa a luglio del 2007) ha disposto di ascoltarli. Ma che ancora non ha emanato alcun provvedimento. Quanto ancora dovranno soffrire?

«Credo sia il caso di disinteresse da parte delle istituzioni peggiore in cui mi sia imbattuto in tanti anni di lavoro» prosegue l’avvocato Miraglia. «Chiederemo un’accelerazione delle pratiche, di riportare a casa questi ragazzini. Ma soprattutto cercheremo di capire chi sia il responsabile di una situazione simile, che ha causato così tanto dolore. Come è stato possibile sentire i minori soltanto dieci anni dopo l’emissione del provvedimento? Certo, i ragazzi in questi anni sono stati curati e seguiti, ma non hanno vissuto come una famiglia e la solitudine, il dolore e la rabbia che si portano dentro, potevano essere evitati. Non è escluso che richiederemo un risarcimento per questo ingiusto allontanamento durato un decennio».

 

Crescere oggi 2017

Imputato per stalking e minacce, ottiene la custodia della figlia

By | Evidenza, Primo Piano | No Comments

I Servizi sociali del Frignano e il Tribunale dei Minorenni di Bologna non tengono in considerazione la decina di denunce presentate dalla madre

L’avvocato Miraglia: “Con Servizi e Tribunali simili le donne possono stare tranquille…di non venire aiutate”

 

BOLOGNA. La legge sullo stalking è nata per tutelare in particolar modo le donne, quelle migliaia di donne perseguitate, minacciate, pedinate, picchiate dagli ex, che non si arrendono alla fine del rapporto sentimentale con loro. Legge certamente perfettibile, che però è un valido strumento, se applicato, per evitare che le persecuzioni si tramutino in tragedie di sangue. «Ora mi chiedo come mai un uomo, imputato in un processo per questo reato, possa ottenere la custodia della figlia avuta con la donna vittima delle sue persecuzioni, minacce e offese» dichiara l’avvocato Francesco Miraglia, cui la donna si è affidata per bloccare questo provvedimento emanato dal Tribunale dei Minorenni di Bologna. La donna, terrorizzata e perseguitata per almeno due anni dall’ex marito, ha sporto oltre dieci denunce. Altre tre le hanno presentate i suoi genitori, presi anche loro di mira dall’uomo. Carta straccia, evidentemente, dal momento che da una decina di giorni  il Tribunale dei Minorenni di Bologna ha tolto a questa madre terrorizzata la custodia della figlioletta perché “ostacolerebbe i rapporti della bambina con il padre”, affidandola quindi all’ex marito, al suo aguzzino. Lei dovrà vedere la figlioletta soltanto all’interno di incontri protetti, neanche fosse lei una criminale.

«Con Servizi sociali e tribunali del genere le donne possono stare tranquille» prosegue caustico l’avvocato Miraglia «di venire ammazzate, di essere lasciate sole davanti alle ingiustizie, di vedere calpestati i propri diritti di madri. Certamente un uomo denunciato almeno quindici volte per aver offeso, minacciato, perseguitato una donna, nella cui casa si è anche introdotto senza permesso, è certamente un uomo migliore della donna stessa che, terrorizzata, lo ha denunciato più e più volte nel tentativo di salvarsi la vita. Un uomo attualmente sotto processo per stalking, violazione di domicilio  e diffamazione.  Non serve quindi che i Servizi sociali informino il tribunale che l’uomo ha tenuto sequestrata la figlioletta un paio di mesi, senza farla vedere alla mamma. Non serve ovviamente tenere in considerazione che la donna è stata costretta a fuggire di casa e a rifugiarsi  in un paesino e anche in una struttura protetta pur di sfuggire al suo persecutore.  Non serve certamente che il tribunale attenda una perizia dettagliata da parte dei Servizi sociali prima di assumere una così grave decisione. Perché mai si dovrebbe ascoltare la vittima?».

Il rapporto conflittuale che ha contraddistinto la vita di coppia di questa donna e dell’ex marito è sfociato un paio d’anni fa in una separazione, che lui non ha mai accettato fino in fondo. Tanto che, oltre ad esserle piombato in casa senza permesso, più e più volte ha offeso e minacciato lei e i suoi genitori. A parte darle della poco di buono e della ladra, di averla minacciata di farla passare per pazza, è arrivato a dirle che, in caso di morte, le avrebbe urinato addosso. Parole pesanti, cariche di odio, che hanno terrorizzato la donna: eppure inspiegabilmente, i Servizi sociali del Frignano, che hanno in carico la vicenda e che ben conoscono tutti questi aspetti, non hanno fatto per nulla menzione al Tribunale dei minorenni di Bologna né di queste denunce né del processo in corso. «Il tribunale» conclude l’avvocato Miraglia, «fuorviato forse dall’omissione dei Servizi sociali, ha emanato una sentenza frettolosa, senza verificare prima la presenza di eventuali procedimenti penali contro l’uomo, che invece sono in corso».

IMG-20170113-WA0006 (2)

Padova, 13enne tolto ai genitori perché effeminato.Il legale:”Dov’è Boldrini?”

By | Primo Piano | No Comments

L’avvocato Miraglia: “E’ ostaggio del sistema, che lo considera malato. Nemmeno libero di assumere un farmaco o di scegliere che scuola frequentare”

 

PADOVA. Al di là del mero aspetto giudiziario, c’è qualcosa di terribile dietro al provvedimento emesso dal Tribunale dei Minori di Venezia, che ha sospeso la potestà ai genitori di un ragazzino tredicenne di Padova perché considerato troppo effeminato. Oltre alla discriminazione che una simile decisione porta con sé, il provvedimento è paradossalmente inattuabile, perché non prevede che venga fatto rispettare con la forza pubblica. Il ragazzino di sua spontanea volontà non andrà sicuramente nella comunità dove sarebbe destinato, ma non è nemmeno libero di assumere una qualunque decisione che riguardi la sua vita, dalle visite mediche alla scuola superiore da frequentare. Nemmeno libero di fare una vacanza, figuriamoci all’estero, perché finché non compirà i 18 anni saranno i Servizi sociali a dover decidere per lui. E’ bloccato per i prossimi quattro anni in un limbo, prigioniero delle istituzioni pur senza essere in galera. «E questo può innescare un comportamento di tipo ricattatorio da parte dei Servizi sociali nei confronti di questo ragazzo» dichiara l’avvocato Francesco Miraglia, che segue la madre nella complicata vicenda giudiziaria che vede il tredicenne da quasi dieci anni alle prese con i tribunali e con una giustizia che tutto ha fatto, tranne ascoltarlo. «Mettiamo che non voglia andare in comunità – come ha già annunciato ampiamente – i Servizi che faranno? Gli negheranno le vacanze? O di fare ciò cui tiene? Ma perché poi?».

Già, perché si è arrivati a un provvedimento che di fatto toglie il ragazzo ai genitori, ma lo lascia poi in seno alla sua famiglia, sebbene privato della libertà di decidere per sé?

«La decisione che ha assunto il tribunale è quella più comoda per salvarsi la faccia» prosegue il legale, «ma soprattutto nasconde una componente profondamente discriminante. Implicitamente il tribunale, nello stabilire che il ragazzo è troppo effeminato perché vive in una famiglia di sole donne cui è molto affezionato, indica una comunità di tipo terapeutico in cui dovrebbe venire accolto. Ma come? Tratta l’effeminatezza o la presunta omosessualità come fosse una malattia? Ma dove siamo? Nel Medioevo? Nemmeno più la Chiesa cattolica ha posizioni così discriminatorie. A questo punto mi domando dove siano i politici e gli opinionisti che tanto si erano stracciati le vesti quando il caso emerse alcuni mesi fa a livello nazionale. Tutti a cavalcare l’onda emotiva del momento per farsi propaganda. Ma adesso che il provvedimento è stato emesso (la madre comunque ha presentato appello), dove sono i Nichi Vendola, gli Alessandro Cecchi Paone, la presidente della Camera Laura Boldrini, paladini dei diritti degli omosessuali e delle minoranze? E’ adesso che occorre farsi sentire, perché l’effeminatezza non può venire considerata una malattia né un motivo valido per strappare un ragazzino alla propria famiglia.

IMG-20170701-WA0029

Nasconde violenze, nei guai assistente sociale

By | Primo Piano | No Comments

L’avvocato Miraglia: “Il Tribunale ha capito la gravità della situazione e ci ha dato ragione”  

 

PERUGIA. Era stata affidata alla famiglia materna, ma il nonno alcolista e violento l’aveva maltrattata. Il tribunale di Perugia ha compreso che le preoccupazioni del padre erano motivate e l’ha affidata a lui. Il giudice ha compreso anche il grosso errore commesso dall’assistente sociale, che nel formulare la sua relazione originaria sulla famiglia materna, aveva omesso – a suo dire per tutelare la privacy del nonno – che lui invece fosse un alcolista, con diverse denunce per maltrattamento a suo carico.

«Avevamo ragione noi» commenta all’indomani della sentenza che affida la piccina di circa sei anni al padre, l’avvocato Francesco Miraglia, cui l’uomo si è rivolto per ottenere giustizia «e il tribunale ha dimostrato di aver preso in considerazione seriamente le nostre istanze e le preoccupazioni di questo padre, tenuto lontano dalla sua bambina dall’azione colpevole dell’assistente sociale, che abbiamo infatti denunciato alla Procura della Repubblica. Il tribunale ha agito con saggezza, nell’interesse della piccina, senza farsi fuorviare dalla relazione lacunosa di un’assistente sociale che avrebbe dovuto soltanto pensare al benessere della bambina, la quale invece, in uno degli scatti d’ira che prendono il nonno quando beve, è stata da lui maltrattata».

Il padre, appreso dell’episodio e denunciata quindi l’assistente sociale, ad ottobre aveva ottenuto dalla Corte di Appello di Perugia l’affidamento della figlioletta. La stessa Corte aveva disposto una nuova perizia, al fine di stabilire a chi affidare in via definitiva la piccola: la decisione è stata emessa martedì scorso (27 giugno 2017) e ha confermato l’affidamento a casa della nonna paterna, con visite alla mamma tre giorni a settimana.

«Possiamo veramente dire di aver ottenuto giustizia» conclude l’avvocato Miraglia.

Palmieri bozza 4 papa-page-001 (2)

Anna Giulia adottata: il suo calvario inizia ora

By | Primo Piano | No Comments

L’avvocato Miraglia: “I genitori li ha, è il Tribunale dei Minori di Bologna che l’ha resa orfana”

 

REGGIO EMILIA. «Non c’è da cantare vittoria, non c’è nulla da festeggiare: l’adottabilità di Anna Giulia Camparini è la sconfitta per la giustizia». L’avvocato Francesco Miraglia interviene sulla vicenda legata alla piccola di Reggio Emilia, ormai quasi dodicenne, da dieci anni allontanata dai genitori per una serie di errori e sentenze emesse non certamente per garantire il benessere della piccola. Il legale si è sempre battuto a fianco dei genitori per riportare Anna Giulia a casa propria, tra le loro braccia. «La sentenza di adottabilità ha soltanto una valenza politica» sostiene Miraglia, «emessa dal Tribunale dei Minori di Bologna solo per salvare se stesso e la propria faccia, in un caso in cui chiaramente si è fatto gli interessi di tutti tranne quelli di Anna Giulia». La piccola era stata allontanata da casa dopo una perquisizione, dall’esito tra l’altro negativo, alla ricerca di droga a casa dei genitori. Dopo un primo allontanamento, i Servizi sociali non riscontrarono motivi ostativi al suo rientro a casa, e la Procura della Repubblica era ugualmente  d’accordo. Ma Anna Giulia a casa da  mamma Gilda e papà Massimiliano non è tornata più. Collocata in un istituto prima, presso una famiglia affidataria poi. Tanto che i genitori, disperati, arrivarono a rapirla in ben due occasioni e conobbero il carcere pur di averla con sé. «Dichiarando adottabile Anna Giulia» prosegue l’avvocato Miraglia «il Tribunale dei Minori di Bologna ha voluto salvare solo se sesso, non potendo ammettere di aver commesso un clamoroso errore giudiziario, che ha suscitato grande clamore, anche mediatico. Senza minimamente  pensare al benessere della ragazzina, che adesso ormai è adolescente e come tutti i giovani che sono stati adottati sicuramente se non oggi, tra qualche anno, si porrà delle domande sulla sua famiglia di origine, cercherà in internet e scoprirà cosa hanno fatto i genitori per lei, arrivando pure ad assaggiare il carcere pur di riabbracciarla, ascoltando il suo grido di dolore: fu la piccola, ricordiamolo bene, a chiedere ai genitori di tornare a casa. Con loro stava bene, erano la sua mamma e il suo papà. Con loro era felice. Perché dunque strappargliela? Il lavoro del tribunale non fu certo egregio, il presidente poco dopo venne allontanato e mai si fece chiarezza sul sistema degli allontanamenti e dei successivi affidamenti familiari che avvenivano a quel tempo. Per una volta che Procura della Repubblica e Servizi sociali erano d’accordo e in linea con la famiglia e chiedevano quindi il reintegro della piccola, non si è voluto ascoltarli e si è andati dritti per una strada completamente errata. No, il calvario di Anna Giulia non finisce con la sua adozione, semmai comincia proprio ora  e quando scoprirà che è stata una pedina in un intreccio di interessi che nulla hanno a che vedere con il benessere suo e degli altri bambini,  a chi andrà a chiedere conto se non al tribunale che l’ha resa orfana, pur avendo lei due genitori amorevoli?».

Marito condannato a 2 anni e 6 mesi per violenze contro la moglie

By | Evidenza, Primo Piano | No Comments

studio-legale-francesco-miraglia-modena-roma-minori-famiglia-collaborazione

L’avvocato Miraglia: “Finalmente dei giudici fermano questi uomini prima che si arrivi al femminicidio”

 

MODENA. Due anni e sei mesi di reclusione sono stati inflitti a un trentenne residente a Modena, che da un anno almeno vessava, maltrattava, picchiava la moglie, costretta a fuggire a casa dei genitori per salvarsi dalla sua furia. La donna alla fine l’ha denunciato per minacce, violenza privata e maltrattamenti in famiglia e le sue istanze sono state ascoltate dal giudice Andrea Scarpa, che mercoledì 7 giugno  ha condannato il marito in primo grado appunto a oltre due anni e mezzo di carcere. E’ stato rimesso in libertà, ma la pena non è comunque stata sospesa: se tornerà a perseguitare la donna, finirà in carcere.

«Finalmente i giudici cominciano a considerare i maltrattamenti in famiglia come gravi prodromi del femminicidio» dichiara l’avvocato Francesco Miraglia, cui la giovanissima donna si è rivolta, ormai stremata  e impaurita, per ottenere giustizia e quanto meno di fermare le violenze che subiva dal marito, da cui si sta separando. «Minacce e violenze psicologiche sono segnali che spesso, purtroppo, si è visto sfociano nell’omicidio delle mogli e delle compagne, che magari per anni hanno denunciato le vessazioni, senza però venire ascoltate. Troppo tardi si è arrivati a prestare loro ascolto, spesso davanti ai loro corpi ormai privi di vita. Solo lo scorso anno le donne uccise per mano degli uomini che dicevano di amarle sono state 120, venti quelle dall’inizio di quest’anno. Bisogna fermare prima il fenomeno, bisogna arrestarlo perché dalla violenza può scaturire solo ulteriore violenza, e va riconosciuto che esiste una forma di femminicidio “dolce”, che non definisco così in accezione positiva, ma che raggruppa quegli episodi di violenza psicologica,  di cui le donne sono spesso vittime. Una violenza più subdola, ma altrettanto devastante, che mina l’autostima delle donne, le costringe a vivere in un clima di continuo terrore. Questi uomini sono stalker e nel contempo utilizzano la violenza psicologica per piegare le loro vittime».

L’uomo condannato a Modena aveva più volte picchiato e persino tentato di strangolare la giovane moglie, arrivando anche a un macabro gesto di violenza psicologica: le ha spedito dei video giornalistici relativi ad un femminicidio compiuto nella stessa città di Modena nel giugno del 2016: vittima una povera donna di 55 anni, che da anni denunciava le violenze subite dal compagno, ritrovata ormai priva di vita rinchiusa dentro un frigorifero, in cantina, strangolata dalle mani che avrebbero dovuto invece soltanto accarezzarla e proteggerla.

«Spero che questa sentenza di Modena, che arriva quindici giorni un’analoga decisione emanata dal tribunale di Trento in favore di un’altra mia assistita, sia l’inizio di un cambio di tendenza, che porti i tribunali a fermare questi uomini violenti e a diminuire così il tragico numero di donne ammazzate per mano loro» conclude l’avvocato Miraglia.

download

Padre padrone condannato a quasi tre anni per maltrattamenti in famiglia.

By | Evidenza, Primo Piano | No Comments

L’avvocato Miraglia: giustizia per un caso di “femminicidio dolce”, senza vittima ma con continue, gravi e pesanti vessazioni e percosse

 

TRENTO. C’è il terribile crimine cosiddetto femminicidio, che ha causato 120 vittime nel 2016, venti dall’inizio di quest’anno. Donne uccise dalla mano dei loro uomini. Ma c’è una violenza più subdola, sebbene altrettanto devastante: la violenza psicologica e fisica, una sorta di “femminicidio dolce”, quando un marito si trasforma in un orco e anziché carezze distribuisce pugni e schiaffi, anziché complimenti la sua bocca pronuncia offese e minacce. Un marito padrone venerdì è stato condannato in primo grado dal tribunale di Trento a due anni e otto mesi di reclusione, con il pagamento provvisionale di 15 mila euro e delle spese processuali. Aveva reso succube la moglie, madre dei suoi due figli, che il tribunale civile ha incredibilmente affidato a lui al momento della separazione. La donna ora teme per la loro incolumità e per la loro salute psicofisica: i piccoli vivono in una situazione di continua pressione cui il padre li sottopone e stanno manifestando segni inequivocabili del loro disagio.

«E’ inconcepibile come il medesimo tribunale abbia agito in maniera contraria nella stessa vicenda» commenta l’avvocato Francesco Miraglia, cui la donna si è rivolta alla ricerca di giustizia «e se dal punto di vista penale ha riconosciuto i fatti come li ha denunciati la mia cliente, la sezione civile ha dato a quest’uomo la custodia dei figli, senza che siano stati sentiti dei testimoni, sulla base delle sue esclusive dichiarazioni, che, in realtà, la sentenza di condanna emanata venerdì scorso contro di lui dimostra come fossero fuorvianti e prive di fondamento».

L’uomo è stato condannato in primo grado per maltrattamenti in famiglia, la cui vittima era la moglie, totalmente sottomessa e resa succube attraverso la costrizione a subire continue minacce, ingiurie e percosse. Anche dopo la separazione, cui la donna era ricorsa, non riuscendo più a sopportare la situazione. “Devi crepare”, “Sei grassa” (al momento la signora era incinta) erano frasi che la donna si sentiva rivolgere costantemente da un marito che la costringeva a subire la sua volontà e le impediva di avere contatti con chiunque, persino con i propri familiari, e le vietava pure di andare a fare la spesa da sola ossessionato dall’idea di spendere il denaro.

«Ma l’uomo è riuscito a convincere il tribunale civile che era l’ex moglie ad essere disturbata emotivamente» prosegue l’avvocato Miraglia, «giungendo ad ottenere la custodia dei due bambini, che mostrano adesso segni di sofferenza per la continua tensione conflittuale cui sono sottoposti. Adesso chiedere la revisione dell’affidamento. Il tribunale, in ogni caso, venerdì ha mostrato di riconoscere la sofferenza della mia assistita: la legge punisce il femminicidio, ma esiste anche una forma di “morte” non fisica cui sono sottoposte quotidianamente centinaia di donne. Un femminicidio “dolce”, dai contorni meno violenti di quelli che portano all’omicidio e alla perdita della vita da parte della vittima, ma ugualmente devastanti. Di questo devono tenere conto i tribunali, per impedire di arrivare ai casi estremi».

La condanna subita dall’uomo è pesante, due anni e otto mesi, più del doppio di quanto aveva richiesto come pena minima il pubblico ministero, che riteneva congruo almeno un anno e tre mesi. Questo perché il giudice ha riconosciuto le violenze fisiche e psicologiche subite dalla donna. Che adesso, però, vuole ottenere giustizia per i suoi figli.

«Temo per loro, perché sono ancora affidati a lui» dice, infatti, la signora, che invita le altre donne ad avere comunque fiducia nella giustizia e a denunciare i soprusi subiti dai mariti-padroni, prima che sia troppo tardi, prima di arrivare ad allungare il già lungo elenco delle vittime della furia cieca di consorti e compagni.

thumb-10817931-1-2 (1)

Tredicenne effeminato allontanato da casa. I servizi sociali al Tribunale: “denunciate la madre, va in tv e sui giornali”

By | Primo Piano | No Comments

PADOVA. Ha raccontato la sua verità ai giornali e in televisione. Ha raccontato come i Servizi sociali le abbiano tolto la potestà genitoriale del figlio tredicenne perché troppo effeminato. Ha lottato per tenere con sé suo figlio, che rischia l’allontanamento da casa e di passare anni in comunità per gli atteggiamenti che terrebbe a scuola. Ebbene, questa donna padovana adesso rischia di venire denunciata. E chi chiede al tribunale di assumere tale provvedimento sono nientemeno che i Servizi sociali che stanno seguendo la sua vicenda. Le sue esternazioni pubbliche, sui giornali come in televisione, comprometterebbero il rapporto tra l’equipe che segue suo figlio e il ragazzino stesso, questa la motivazione. Che ha mandato su tutte le furie la madre, in primis, e il suo legale, l’avvocato Francesco Miraglia, che invoca l’intervento dell’assessore regionale ai Servizi sociali, Manuela Lanzarin.

«Trovo inammissibile che l’equipe dei Sevizi sociali pubblici, che sta seguendo questa delicata vicenda e che dovrebbe collaborare con la famiglia per il bene del ragazzino» sottolinea l’avvocato Miraglia, «chieda invece al tribunale di assumere provvedimenti giuridici contro la madre. Ma il mondo va a rovescio? Adesso un cittadino deve difendersi dalle istituzioni che sarebbero chiamate invece ad aiutarlo? Come potrà, questa madre, fidarsi ancora degli operatori dei Servizi sociali se questi vorrebbero vederla in un’aula di tribunale a difendersi dalle loro accuse di sovraesposizione mediatica, quando in realtà ha raccontato solo la propria verità, com’era nei suoi diritti?

La vicenda, alquanto delicata, vede un tredicenne, seguito dai Servizi sociali territoriali che fanno riferimento all’Ulss 6 Euganea, venire allontanato dalla famiglia (vive con la madre e due sorelle) per degli atteggiamenti effeminati che utilizzerebbe come provocazione nelle relazioni con gli adulti, anche in ambito scolastico. Il ragazzino non è stato ancora separato dai familiari soltanto perché finora nessuna comunità ha accettato di accoglierlo, a quanto direbbero i Servizi sociali. La madre, tramite il proprio legale, ha impugnato tale provvedimento e martedì scorso ha presentato una memoria difensiva. Il tribunale nel frattempo ha sentito anche il ragazzino, il quale ha ribadito che lui una famiglia ce l’ha e non vuole esserne separato.

«L’allontanamento da casa è l’estrema ratio» prosegue l’avvocato Miraglia «quando sussista una grave situazione di violenza e di abbandono oppure quando siano fallite tutte le possibilità di dialogo e trattativa. In questo caso non vediamo come sarà possibile per la madre tornare a colloquiare con questi Servizi sociali, dall’atteggiamento alquanto intimidatorio, e pertanto auspichiamo l’intervento dell’assessore regionale ai Servizi sociali, anche per scongiurare che questa situazione, ormai inasprita ed esacerbata, porti come estrema soluzione l’allontanamento del ragazzo da casa. E’ inconcepibile, poi, che un cittadino debba difendersi dalle istituzioni e soprattutto è inaccettabile che i Servizi sociali utilizzino l’intimidazione per far tacere la madre. Siamo arrivati al punto che un cittadino può soltanto dire che va tutto bene, che i Servizi sociali svolgono un ottimo lavoro, e se osa mettere in luce gli aspetti problematici, invece di venire ascoltato ed aiutato, rischia una denuncia».

Dodicenne sottrae il telefono alla madre e scrive ai fratelli maggiori«non ce la faccio più. Voglio stare con voi»

By | Evidenza, Primo Piano | No Comments

Ma il Tribunale di minori di Cagliari insiste «Sta bene nella nuova famiglia»

La sorella, quando viveva nel medesimo ambiente familiare, si tagliuzzava la pelle dalla disperazione

CAGLIARI. «Mi mancate troppo. Non ce la faccio più. Non vedo l’ora di avere 18 anni per venire da voi». Ma li compirà tra sei, lunghissimi, interminabili anni, durante i quali sarà costretto a vivere con una famiglia estranea. Ha dovuto prendere di soppiatto il telefonino della madre affidataria per scrivere alla sorella maggiore questi messaggi. Sms che denotano uno stato di disagio, che però non viene ascoltato da nessuno e così lui, un dodicenne originario della Sardegna, spedito dal Tribunale dei minori di Cagliari fino in Emilia Romagna, resta suo malgrado in una casa non sua, con una famiglia non sua, strappato all’affetto dei fratelli maggiori, che vorrebbero poterlo tenere con sé. Il tribunale lo lascia in quella casa perché così avrebbe deciso lui. Ma per sua stessa ammissione, in uno scambio di messaggi con la sorella maggiore, rivela invece «Ho detto che stavo bene con quella famiglia perché sennò mi mettevano in una comunità diversa da quella di nostra sorella». Messaggi di cui il tribunale è pienamente al corrente, essendo stati prodotti all’udienza svoltasi lo scorso 23 marzo. Quanto dovrà soffrire ancora questo ragazzino prima di poter essere felice con chi ama e con chi lo ama? Il suo grido di dolore è rimato finora inascoltato, tanto quanto quelli della sorella di un anno più grande, la quale, l’anno scorso, aveva riferito maltrattamenti subiti nella famiglia affidataria (la medesima del fratellino appunto): invece di indagare a fondo sul suo malessere, quasi fosse una punizione i Servizi sociali l’hanno tolta alla famiglia e l’hanno spedita da sola in una casa famiglia. Dove hanno scoperto che nel corso dei mesi precedenti era arrivata al punto di provocarsi delle ferite autolesioniste a causa della repressione dello stato di malessere e disperazione in cui viveva. Malessere che adesso vive anche il fratellino minore, sofferente per la mancanza dei fratelli da cui è stato allontanato.

La sorella maggiore sta cercando di riavere con sé i due fratelli più piccoli: lavora ed è inserita in un contesto positivo, che le consentirebbe di accudirli amorevolmente e di provvedere alle loro necessità senza problemi. Ma non glieli danno, anzi, addirittura il tribunale sostiene che il maschietto sarebbe già stato adottato.

«Non ci dicono però quando sarebbe avvenuto» rivela l’avvocato Francesco Miraglia, cui la ragazza si è rivolta, nel disperato tentativo di avere i due più piccoli con sé, togliendone una a una comunità e l’altro alla famiglia che l’avrebbe appunto adottato a sua insaputa. «Nei documenti in nostro possesso risulta solo in affidamento e non è ancora trascorso l’anno di abbinamento minore/famiglia, che precede l’emissione del decreto di adozione vera e propria, nel corso del quale è possibile in qualunque momento revocare l’adottabilità di un bambino. Mi domando che comportamento stiano tenendo i giudici e perché non si prendano la briga di ascoltare direttamente questi due ragazzini, riportandoli come prima cosa in Sardegna, dove sarebbero dovuto sempre rimanere. E soprattutto che sta facendo la Procura, che per legge è obbligata a prendersi “cura” dei diritti e della tutela di questi due ragazzini? A mio avviso si configura come l’ennesimo caso in cui tutto si fa tranne che l’interesse dei minori. Se non otterremo giustizia, se le voci di questi ragazzini rimarranno ancora inascoltate, non ci resterà che rivolgerci al ministero chiedendo che invii degli ispettori a verificare la correttezza dell’operato del tribunale dei minori di Cagliari».

image

«Ma la postura non è curata dai medici»

By | Primo Piano | No Comments

 

Ma la postura non è curata dai medici»  – Cronaca – La Sentinella del Canaves

L’avvocato del musicista inventore del metodo Og a processo: «Il mio cliente allevia solo i sintomi»

IVREA . Che fosse un caso destinato a far discutere, lo si poteva immaginare. Maurizio Formia, 46 anni, di Mazzè, è un musicista e un maestro di musica. Al tribunale di Ivrea è imputato di abuso della professione medica. Il processo è cominciato giovedì. Il caso risale a tre anni fa, quando i carabinieri del nucleo antisofisticazioni avevano chiuso il suo studio di Ivrea, dove praticava il metodo da lui inventato nel 2001 che si chiama occlusione-gravità. È, in sostanza, un trattamento che prevede una placca nella bocca che aiuterebbe nella masticazione (occlusione) e di conseguenza servirebbe a migliorare la postura del corpo e il suo equilibrio. Il condizionale è d’obbligo. Formia ha scritto della sua invenzione in un libro e questo suo trattamento è stato oggetto anche di interrogazioni parlamentari. La parlamentare del M5s Giulia De Vita ha infatti presentato un’interrogazione nel gennaio 2014 per sollecitare una risposta all’istituzionalizzazione del metodo Og, richiesta dallo stesso Formia nel 2011. Esiste anche un comitato per la promozione e la tutela del metodo scoperto da Formia che, fin dall’inizio di questa vicenda, ha sempre chiarito di non essersi mai spacciato per un medico in quanto, in sintesi, è il primo a dire che il metodo «Og è un trattamento come può essere un trattamento per il benessere fatto da un operatore Shiatzu o per il miglioramento delle prestazioni atletiche fatto da un personal trainer». Ed è evidente, quindi, che un processo di questo tipo catalizza interesse.
A denunciare Formia anni fa erano stati l’Ordine dei medici e odontoiatri del Piemonte e l’Andi, l’associazione nazionale dentisti italiani, che al processo si sono costituiti parte civile con gli avvocati Roberto Longhin e Paola Pianciroli. Secondo l’Ordine dei medici e odontoriatri e l’Andi, l’’applicazione di placche mandibolari spetta appunto solamente ai medici dentisti o odontoiatri.
Di contro, Formia ha, da anni pubblicizza il sistema “Og Occlusione-gravità” da lui ideato (ha anche un sito internet) per riequilibrare la postura delle persone tramite appunto un “morso” indurito da inserire tra i denti, così, secondo lui, da alleviare dolori alla schiena e cefalee.
Francesco Miraglia è l’avvocato di Formia: «Il mio cliente è a giudizio per abuso di professione medica, ma mai si è definito medico né ha mai preteso di curare le persone, ma solo di alleviare un loro sintomo, riequilibrandone la postura. Formia continua a definirsi musicista, professione che ha svolto per quasi tutta la vita, e non si è mai sognato di promuovere attività mediche». Il punto? Il punto, per l’avvocato è la postura: «La posturologia – spiega Miraglia – non è una branca della medicina e non sono i medici ad occuparsene e non esiste nemmeno la definizione di chi debba occuparsene: lo fanno figure anche riferibili alla medicina alternativa, sfuggendo ancora a una normativa e a una definizione di riferimento. Sicuramente non deve essere catalogata come disciplina medica o odontostomatologica. In questo quadro indefinito si inserisce il mio cliente, che mai ha avanzato pretese di curare, ma semplicemente di alleviare alcuni sintomi che le persone presentano se non mantengono il corpo in equilibrio». «Per assurdo – incalza l’avvocato – il principio che sottostà alla denuncia presentata contro il mio cliente equiparerebbe una madre che allevia il mal di pancia del figlioletto tramite l’utilizzo di una borsa dell’acqua calda a una rea di esercizio abusivo della professione medica: in realtà sta alleviando un sintomo, non curando la causa del mal di pancia». Prossima udienza il 28 giugno. L’avvocato di Formia promette battaglia: «Porteremo la nostra tesi, smontando anche le affermazioni del perito del tribunale».

Aemilia-19-gabbie

Miraglia: «Indagini superficiali»

By | Evidenza, Primo Piano, Varie ed eventuali | No Comments

 

Strali dal legale di Valerio sul caso del teste morto e “resuscitato”

REGGIO EMILIA. Il caso del presunto ricattato Salvatore Soda dato per morto dai carabinieri e “resuscitato” a fine udienza per bocca del teste Domenico D’Urzo – che lo aveva incontrato poco tempo fa – tiene ancora banco ai margini del processo Aemilia. Un “giallo” innescato dal maresciallo dei carabinieri Emilio Veroni (del Nucleo investigativo di Modena) rispondendo nel controesame a una domanda dell’avvocato Pasqualino Miraglia, difensore di Antonio Valerio che con altri tre è nei guai per questa estorsione. Ora, a scagliarsi contro le ricostruzioni degli investigatori, è Francesco Miraglia, anch’egli legale di Valerio. «Non solo prove indiziarie, ma adesso pure le presunte persone offese che non vengono mai sentite perché date per morte, ma che invece potrebbero essere vive e vegete» scrive in un comunicato Miraglia. «L’ennesima riprova che il processo Aemilia, che si sta svolgendo su presunte estorsioni legate alla ’ndrangheta calabrese a Reggio Emilia, pare tanto basato su indagini superficiali e approssimative. Ne ha dato notizia anche la stampa, della presunta vittima, Salvatore Soda, che i carabinieri non avrebbero sentito come teste in quanto sarebbe morto, ma che un amico, all’udienza di sabato, dice di aver visto non più tardi di dieci giorni fa. Ma come si fa a non appurare se la vittima sia viva oppure no? Il presidente del collegio ha incaricato di verificare questa morte presunta, e ben vengano indagini supplementari: ma non sarebbe stato meglio farle prima? Chissà che adesso, almeno, riusciremo a sapere se le pesanti accuse rivolte al mio assistito, Antonio Valerio, siano o meno fondate su basi accertate. Come mi pare, invece, finora non sia stato. Senza contare che già il maresciallo sentito sabato ha smentito il capo di imputazione nel quale si parlava di un feroce pestaggio, da parte del mio assistito. È talmente grottesco che ci sarebbe da sorridere se non fosse che un processo sommario e indiziario come questo, oltre a costare tempo e denaro pubblico, si sta giocando sulla pelle delle persone accusate, tra cui appunto il mio

cliente. Il grande processo di mafia sbandierato anche mediaticamente come un grande evento, pare sgonfiarsi ad ogni udienza sempre di più. Se non si arriverà ad alcuna condanna – come mi auguro per il mio cliente – il processo Aemilia avrà forse il merito di aver fatto resuscitare trali dal legale di Valerio sul caso del teste morto e “resuscitato”

IMG-20170113-WA0006 (2)

Minore ‘effemminato’,parlerà a Tribunale

By | Evidenza, Primo Piano | No Comments

Minore ‘effemminato’,parlerà a Tribunale – Veneto – ANSA.it

Provvedimento sospeso, ragazzo non ha mai lasciato casa madre

(ANSA) – VENEZIA, 24 FEB – Il Giudice del Tribunale dei minori di Venezia ha sospeso l’allontanamento dalla madre del ragazzino padovano, oggi 14enne, chiesto dalla Procura perché viveva in un ambiente ritenuto non idoneo e ‘tutto al femminile’ che lo avrebbe portato ad avere atteggiamenti definiti ‘effeminati’.

    L’ordinanza del magistrato è stata emessa oggi, a distanza di meno di un mese e mezzo dall’udienza nella quale la mamma aveva fatto ricorso, supportata dall’avv. Francesco Miraglia, che aveva predisposto una memoria. Il ragazzino, nel frattempo, è sempre rimasto con la madre, separata dal marito e padre del minore, che pare non voglia avere più nulla a che fare con la famiglia. Il Giudice ha sì accolto la richiesta della, con la sospensione dell’allontanamento del figlio, ma nel farlo ha disposto “l’audizione del giovane” che deve avvenire “senza la presenza ne’ dei genitori, ne’ degli avvocati, al fine di permettergli di esprimersi liberamente”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

IMG-20170126-WA0013 (2)

“Troppo effeminato”, tredicenne tolto alla madre. E a Padova scoppia la polemica

By | Evidenza, Primo Piano | No Comments

Il Tribunale dei Minori allontana il ragazzino dalla famiglia perché “è diverso e ostenta atteggiamenti in modo provocatorio”. Una storia di abusi e disagio in cui la vittima è sempre l’adolescente

precedentesuccessivo

Padova, 13enne tolto alla madre. Il legale: “Provvedimento sessista”

PADOVA. “Tende in tutti i modi ad affermare che è diverso e ostenta atteggiamenti effeminati in modo provocatorio”. Parole con cui il Tribunale dei Minori definisce il comportamento di un ragazzino di 13 anni della provincia di Padova. Parole che incidono pesantemente sulla sua vita perché ora quell’adolescente non potrà più stare con la sua mamma. L’atteggiamento ‘ambiguo’, secondo la relazione dei Servizi sociali, sarebbe dovuto al fatto che “il suo mondo affettivo risulta legato quasi esclusivamente a figure femminili e la relazione con la madre appare connotata da aspetti di dipendenza, soprattutto riferendosi a relazioni diadiche con conseguente  difficoltà di identificazione sessuale”.

La notizia è stata pubblicata dal “Mattino di Padova”. Secondo il quotidiano, in alcune occasioni il ragazzo era andato a scuola con gli occhi truccati, lo smalto sulle unghie e brillantini sul viso, contestano nella relazione che ha generato il decreto di allontanamento dal nucleo familiare. Ma la madre ribatte, sostenendo che si trattava di una festa di Halloween.

Il disagio in questa famiglia parte da lontano. C’è un’accusa di abusi sessuali da parte del padre. Il processo si conclude con un’assoluzione per l’uomo, anche se nella sentenza si dice che “non c’è motivo di dubitare dei fatti raccontati dal bambino”. Tutto e il contrario di tutto, in una girandola di accuse in cui la vittima è sempre una: lui, con i suoi 13 anni.

Da quei presunti abusi sessuali scaturisce il primo affidamento a una comunità diurna, dalle 7 alle 19. I responsabili della struttura notano gli atteggiamenti effeminati del ragazzino, li segnalano ai servizi sociali e così prende corpo un secondo provvedimento dei giudici. Quello del definitivo allontanamento dalla madre.

“Trovo scandalosa la decisione di allontanare un ragazzino solo per l’atteggiamento effeminato”, dice l’avvocato Francesco Miraglia, specializzato in diritto di famiglia. “Mi sembra un provvedimento di pura discriminazione”. La decisione del Tribunale dei Minori è stata impugnata dal legale che annuncia battaglia.

 

 http://www.google.it/url?sa=t&rct=j&q=&esrc=s&source=web&cd=2&cad=rja&uact=8&ved=0ahUKEwid9Par_5PSAhWNhRoKHS-BCN8QFgggMAE&url=http%3A%2F%2Fwww.repubblica.it%2Fcronaca%2F2017%2F01%2F10%2Fnews%2F_troppo_effemminato_tredicenne_tolto_alla_madre_e_a_padova_scoppia_la_polemica-155728297%2F&usg=AFQjCNFMy1HK8AKgUpnb9PABeiyd180LKg