Category

Comunicati stampa

STUDIO MIRAGLIA 281X380-page-001

Venerdì 17 Aprile ore 20:45: Sala Consigliare del Comune di Limena

By | Comunicati stampa | No Comments

ADOLESCENZE ESTREME “vulnerabili  e/o  onnipotenti”                                              Ecco come è possibile che una bambina con entrambi i genitori viventi che la amano e la vogliono con loro, che non hanno mai fatto niente di male né a lei né ad altri sia diventata “un’orfana consegnata per legge ad altri genitori”.   Dopo la presentazione del libro “Papà portami via da qui!” parleremo di bullismo, di adescamento dei minori tramite internet e dei nostri giovani del perché si diventa bullo e/o vittima.    Saranno presenti: –   Avv. Francesco Miraglia; esperto di Diritto di Famiglia , Diritto Minorile e Criminologia.. –   Prof.ssa Vincenza  Palmieri; Presidente e fondatrice dell’Istituto Nzionale di Pedagogia Familiare , Consulente Tecnico di Parte – Psicologo , Membro ISPCAN –   Avv. Francesco Morcavallo; Dottore in Diritto Civile Italiano ed Europeo . –   Dott. Gianfranco Volpin; Responsabile Polizia Postale di Padova scrittore del libro”Via le mani dai bambini”. –  Cristina  Turetta; Vicesindaco, assessore ai Servizi Sociali. –   Monia Gambarotto; Moderatore  della serata , Ambasciatrice per i Diritti Umani   E con la partecipazione di Ally con il brano “Il più debole” inno INPEF per i Diritti dei Minori.

Invito Conferenza Stampa

By | Comunicati stampa | No Comments

“Presentazione accordo tra Ambasciata dell’Ecuador in Italia Istituto Nazionale di Pedagogia Familiare (Inpef) per la costituzione di un Gruppo di Lavoro a tutela dei Diritti Umani e dei Diritti dei Minori Ecuadoriani in Italia”

 

Presso l’Ambasciata dell’Ecuador a Roma – Via Antonio Bertoloni, 8 (Zona Parioli)

Giovedì 9 ottobre c.a. ore 12.30

 

 

Interverranno:

 

 

Dr. Juan Holguin, Ambasciatore dell’Ecuador in Italia

Consoli dell’Ecuador presenti in Italia

Prof.ssa Vincenza Palmieri, Psicologo, Pedagogista Familiare e CTP – Presidente INPEF

Avv. Francesco Miraglia, esperto di Diritto Minorile e della Famiglia,

Avv. Francesco Morcavallo, già Magistrato Minorile, esperto di Diritto di Famiglia e Diritto Civile

 

 

 

Se non si desidera ricevere ulteriori mail informative si prega di inviare una nota

all’indirizzo mail: iscrizione.inpef@virgilio.it scrivendo in oggetto: cancellazione

oppure per cancellarsi dalla mailing list: clicca qui

febbraio 2014 168 (2)

L’avv. Francesco Miraglia riferisce in Commissione Infanzia

By | Comunicati stampa | No Comments

In seguito all’interpellanza parlamentare  presentata dal Presidente della commissione  infanzia  Michela Maria Vittoria Brambilla su tema: case-famiglia,  minori, allontanamenti e Tribunale per i Minorenni,  si terrà giovedì 13 febbraio dalle 9.30 alle 12 presso la sala Aldo Moro della Camera dei Deputati una conferenza stampa sul argomento.

Sul tema sarà relatore il noto legale Modenese Francesco Miraglia che da anni si occupa a livello nazionale della difesa, tra l’altro, di quei nuclei familiari a cui molto spesso vengono allontanati i figli dalle istituzioni.

Il legale riferirà, attraverso la sua esperienza  sulle varie segnalazioni e denunce di sospetti maltrattamenti o abusi su minori, bambini ospitati in case-famiglia dalle condizioni igieniche intollerabili, allontanamenti “troppo facili” dai nuclei familiari, fiumi di denaro pubblico speso senza trasparenza.

Secondo lo stesso  Miraglia: sono numerosi gli abusi e le violazioni che caratterizzano da alcuni anni l’attività dei Tribunali per i minorenni, che molto spesso servendosi di relazioni superficiali e approssimativi dei servizi sociali allontanano i minori dalle propri famiglie senza se e senza ma!

Molti, inoltre, sono i casi i di maltrattamenti e abusi che i minori subiscono nelle varie case famiglie che sono dei veri e propri orfanatrofi senza controllo e senza vigilanza.

In sostanza, lo stesso avvocato da anni sostiene la necessità di un vero è proprio  censimento diretto alla rilevazione esatta delle sopra indicate residenze presenti su tutto il territorio; un sistema di rilevazione articolata dei dati sulla condizione dei bambini allontanati dalle proprie famiglie ed un monitoraggio periodico sulle strutture residenziali di accoglienza.

Occorre istituire, inoltre, un apposito registro degli affidamenti temporanei; se risultino indagini penali in corso al fine di accertare eventuali negligenze, responsabilità o comportamenti illeciti dei gestori e degli operatori; nuovi e più rigorosi meccanismi di controllo, anche attraverso organismi indipendenti, per garantire la sicurezza e la protezione dei minori nelle comunità; verifiche periodiche sulla sussistenza delle condizioni di idoneità e agibilità dei luoghi adibiti a casa famiglia e dei requisiti di legge; misure tempestive “per rendere trasparente la gestione dei fondi pubblici stanziati per l’ accoglienza dei minori nelle strutture residenziali”; provvedimenti per superare l’attuale frammentazione delle competenze e per una migliore distribuzione delle risorse sul territorio.

M.D

 

 

Francesco Miraglia:

Avvocato del Foro di Modena, Cassazionista-penalista, esperto di Diritto di Famiglia e Diritto Minorile;giornalista-pubblicista; mediatore familiare (Iscra di Modena 2012); mediatore criminale e inteligence nell’investigazione (Istituto Universitario dell Mediazione Vibo Valentia 2013); docente e direttore di master all’INPF (Istituto Nazionale Pedagogia Familiare) Roma; presidente Comitato Scientifico Associazione “Pronto Soccorso Famiglia” Milano; medaglia d’oro Premio internazionale “Maison des Artistes” 2012 per l’impegno sociale, conferito presso l’Università La Sapienza Roma.  Nel 2008 è stato premiato dal Comitato Cittadini Umani per l’impegno proficuo nella tutela dei diritti degli svantaggiati e , in particolare nella sorveglianza dei diritti fondamentali delle persone, (Milano). Nel  2011 è stato conferito  dell’Alto riconoscimento “OGNI BAMBINO E’ UNA STELLA” (Verona)

Per info: cronacaenotizie@gmail.com

 

1482765_594677353920185_1441943138_n-225x300

Sabato 25 gennaio l’avvocato Francesco Miraglia del foro di Modena, sarà ospite alle ore 18 alla Libreria Grimorio di Pistoia durante la presentazione del film sociale “Un amore strappato dagli occhi di Greta”

By | Comunicati stampa | No Comments

1482765_594677353920185_1441943138_n-225x300

Appuntamento alle ore 18 di sabato 25 gennaio per la presentazione del film intitolato “Un Amore Stappato dagli occhi di Greta”, prodotto da Tripla Difesa Onlus, con la sceneggiatura di Floriana Ventura e la regia di Salvatore Orlando. Una tematica dura e tragica di violenza sulla donna e della violenza sui minori. I fondi che verranno raccolti saranno utilizzati per ripristinare una casa già di proprietà di “tripla difesa “, un PROGETTO FAMIGLIA che vuole mirare a tutelare le famiglie a cui il tribunale vorrebbe sottrarre il minore o i minori. Con la presenza della cantante Maria Teresa De Pierro, presente al prossimo Festival di Sanremo, Testimonial dell’Associazione TRIPLA DIFESA ONLUS. Numerosi gli ospiti d’onore che saranno presenti: il generale LEON LYON ZAGAMI , Comandante cavaliere dei templari a cui sarà dedicato il progetto” FAMIGLIA LEO LYON ZAGAMI”. Christy Andersen ,pittrice di fama internazionale. La D.ssa Antonella Gramigna , esperta in comunicazione, impegnata politicamente a difesa delle donne con il Partito Democratico. In attesa di conferma della presenza dell’Avv. Matteo Santini Oltre Cinquemila (Presidente associazione studi e ricerche del diritto di famiglia ) e consigliere ordine degli avvocati di Roma.
Potrete ascoltare la canzone “OCCHI CHE SI PARLANO” di Di Carlo e Centorame, interpretata dalla bravissima cantante De Pierro Maria Teresa in arte MERYSSE dedicata ai bambini e ai loro genitori. Sarà presene, inoltre, l’avvocato Miraglia sarà ospite in qualità di esperto di Diritto Minorile e Di Famiglia e per le pubblicazioni dei libri “Casi da Pazzi-Francesco Miraglia un avvocato controcorrente” di Nunzia Manicardi; (Koinè Editore),  “Ridateci i nostri figli! Storie di bambini sottratti alle famiglie raccontate dal loro avvocato Francesco Miraglia” di Nunzia Manicardi, “Mai più un bambino” (Armando Editore) e “ I Malamente” (Armando Editore).

 

Sono onorato di partecipare ad un appuntamento così importante quale la  presentazione di un  film su un tema sociale così importante e grave che colpisce migliaia di famiglie– sottolinea l’avvocato Miragliasi tratta di un dramma, nei confronti del quale, le nostre istituzioni dovranno dare al più presto una soluzione. E’ inaccettabile, infatti, che venga alimentato un  vero e proprio  mercato sulla pelle dei nostri bambini, con gli  allontanamenti, consulenze, affidamenti e case famiglie, sotto la completa indifferenza. Allontanare i bambini, se non in casi gravi, è una violazione del nostro diritto naturale perché ogni bambino ha il sacro santo diritto di vivere crescere nella propria famiglia.”

 

 

 

 

 

 

 

 

Convegno Malamente - Roncegno 20 dicembre 2013-page-001 (1)

Convegno: FAMIGLIE E MINORI: ABUSO O TUTELA?

By | Comunicati stampa | 2 Comments

Convegno Malamente - Roncegno 20 dicembre 2013-page-001 (1)Convegno: FAMIGLIE E MINORI: ABUSO O TUTELA?

Tribunali, perizie, allontanamenti facili, sistema psichiatrico e giuridico; e nuove marginalità…

Venerdì 20 dicembre ore 20.00
Sala Oratorio – Roncegno Terme
Via Don Alessio De Pretis, 2

Introduzione

Giuliana Gilli
Assessore alle Politiche Sociali Comune di Roncegno

 

Autori

Prof. Vincenza Palmieri
Presidente INPEF, Consulente Tecnico di Parte

Avv. Eleonora Grimaldi
Esperto in diritto di famiglia

Avv. Francesco Miraglia
Cassazionista, esperto in diritto minorile

Moderatore e interventi

Alberto Faustini
Direttore de Il Trentino

Elena Artioli
Consigliere Regionale Trentino Alto Adige

Gabriella Maffioletti
Consigliere Comune di Trento

Avv. Francesco Morcavallo
Cassazionista, già Giudice del Tribunale dei Minori

Silvio De Fanti
Vicepresidente Comitato Cittadini Diritti Umani

 Dirompente, coraggioso, innovativo. Non si può che definire così l’ultimo volume di Palmieri, Grimaldi e Miraglia dall’evocativo titolo “I Malamente” Il termine, con cui si indica un modo sbagliato, non opportuno o sconveniente di agire, un comportamento deplorevole, una condizione infelice è sempre stato associato all’idea di una persona poco raccomandabile cui non era opportuno affiancarsi.

Un concetto ormai entrato nell’uso comune che gli autori hanno voluto riprendere, con amore e un pizzico di polemica, per andare nella direzione opposta. Da sempre, e ora più che mai, il cattivo viene associato ad una mente malata; motivazione per cui si riempiono le case famiglia e le comunità di giovani a cui somministrare terapia psicofarmacologica: “o reo, o malato”. O bianco o nero, in quell’assenza di sfumature che è invece propria della variabile adolescenziale. Gli autori, dunque, si schierano proprio contro tale stigma, capovolgendone il significato. “I Malamente”, oggi, sono ragazzi fuori dai margini dell’ascolto, allontanati da una scuola che li perde e non va riprenderseli, costretti, obbligati o decisi ad avviarsi verso una carriera di devianza, prima, e malattia, dopo.

Cambiare il corso dei destini può essere un gioco. Un progetto letterario non è una guerra ma certamente, noi, vogliamo rappresentare una sfida

I Malamente

Presentazione del libro“I Malamente” – Le nuove marginalità: ragazzi messi alla prova.

By | Comunicati stampa | No Comments

I Malamente 

COMUNICATO STAMPA

Presentazione del libro“I Malamente” – Le nuove marginalità: ragazzi messi alla prova.
di Vincenza Palmieri, Eleonora Grimaldi, Francesco Miraglia – (Armando Editore 2013)
Prefazione di Capitano Ultimo

Sensibilizzare gli adulti e gli addetti ai lavori sulle tematiche legate alla famiglia e soprattutto tutelare i bambini cercando, qualora ci siano situazioni di profondo disagio, di offrire loro un valido supporto psicopedagogico e optare affinché rimangano il più possibile vicini al loro nucleo familiare originario.

Sarà proprio questo uno dei principali argomenti della serata organizzata dalla Maison Des Artistes  che si terrà il prossimo 23 novembre alle ore 17 presso la biblioteca di Villa Leopardi a Roma  in via Makallè ( interno parco Villa Leopardi)  Tra gli ospiti l’avvocato Francesco Miraglia del Foro di Modena, la prof.ssa Vincenza Palmieri dell’INPEF e l’avvocato Eleonora Grimaldi, autori del libro “I Malamente” Le nuove Marginalità: ragazzi messi alla prova.”

Dirompente, coraggioso, innovativo. Non si può che definire così l’ultimo volume di Palmieri, Grimaldi e Miraglia dall’evocativo titolo “I Malamente” Il termine, con cui si indica un modo sbagliato, non opportuno o sconveniente di agire, un comportamento deplorevole, una condizione infelice è sempre stato associato all’idea di una persona poco raccomandabile cui non era opportuno affiancarsi.

Un concetto ormai entrato nell’uso comune che gli autori hanno voluto riprendere, con amore e un pizzico di polemica, per andare nella direzione opposta. Da sempre, e ora più che mai, il cattivo viene associato ad una mente malata; motivazione per cui si riempiono le case famiglia e le comunità di giovani a cui somministrare terapia psicofarmacologica: “o reo, o malato”. O bianco o nero, in quell’assenza di sfumature che è invece propria della variabile adolescenziale. Gli autori, dunque, si schierano proprio contro tale stigma, capovolgendone il significato. “I Malamente”, oggi, sono ragazzi fuori dai margini dell’ascolto, allontanati da una scuola che li perde e non va riprenderseli, costretti, obbligati o decisi ad avviarsi verso una carriera di devianza, prima, e malattia, dopo.

Cambiare il corso dei destini può essere un gioco. Un progetto letterario non è una guerra ma certamente, noi, vogliamo rappresentare una sfida”.

 

 

 

 

 

 

Valsugana

Torna a casa la bambina della Valsugana allontanata ai genitori

By | Comunicati stampa | No Comments

ValsuganaTorna a casa la bambina della Valsugana allontanata ai genitori

È tornata a casa dal suo papà e dalla sua mamma la bambina del piccolo paese della Valsugana che nel giugno scorso era stata allontanata dalla famiglia a causa di una presunta “conflittualità” e “inadeguatezza” dei genitori. La vicenda di questa ragazza, nasce nell’ambito di una vicenda familiare come centinaia nel nostro paese. Quello che è veramente grave ancora una volta, è l’inadeguatezza e la superficialità del servizio sociale a gestire dei casi così particolari visto che – sostiene l’avv. Francesco Miraglia, avvocato di fiducia del papà – l’unica soluzione prospettata al Tribunale per i Minorenni è stata quella dell’allontanamento e contestuale collocazione in casa famiglia della bambina. Per l’ennesima volta il nostro comitato che, insieme alla consigliera comunale di Trento Gabriella Maffioletti, da anni si occupa della tutela dei minori, ha dovuto constatare l’automatismo tra le relazioni del servizio, le richieste della Procura e il provvedimento del Tribunale senza un minimo di istruttoria che potesse giustificare la sospensione della potestà genitoriale e addirittura gli incontri protetti. All’udienza dello scorso 8 novembre il tribunale effettivamente si è reso conto, dopo la convocazione delle parti e soprattutto dopo aver sentito la minore che la stessa doveva tornare immediatamente nella sua famiglia. Ma allora perché solo tre mesi fa è stato disposto l’allontanamento? Forse si era dato eccessivo peso agli aspetti psicologici? Quali erano i motivi oggettivi? Cosa è cambiato in soli tre mesi? Ci piacerebbe che qualcuno rispondesse a queste domande, anche se temiamo che nessuno lo farà. In seguito all’allontanamento, il papà si è rivolto al nostro comitato che non solo si è limitato ha fornire informazioni ma ha trovato il sostegno per questa famiglia di tutta la comunità del paese della Valsugana, soprattutto di alcune mamme che si sono messe a disposizione della famiglia impegnandosi formalmente in una lettera consegnata all’assistente sociale di Borgo Valsugana. Ci auguriamo ora che la bambina possa prima possibile dimenticare questa brutta esperienza e tornare ai suoi affetti e a una vita serena. Speriamo altresì che l’assistente sociale riveda il suo operato e aiuti veramente la famiglia a superare le proprie difficoltà senza dover ricorrere a provvedimenti tanto gravi o invasivi. Continueremo tuttavia a seguire la vicenda e a vigilare sul servizio sociale affinché questi errori non si ripetano più.

violenza

Viterbo: chiuse le indagini sulla vicenda delle due ragazze straniere, Angelina e Katya stuprate da 5 italiani

By | Comunicati stampa | No Comments

COMUNICATO STAMPA

 

Viterbo: chiuse le indagini sulla vicenda delle due ragazze straniere, Angelina e Katya stuprate da 5 italiani

 

Francesco Miraglia, nuovo avvocato di una delle ragazze incontra giovedì 23 maggio il vice console russo a Roma.

 

Un nuovo avvocato difenderà la giovane russa Angelina, oggi maggiorenne, che nel 2012, in provincia di Viterbo, insieme ad un’amica norvegese disse di essere stata violentata da un gruppo di ragazzi italiani. Si tratta di Francesco Miraglia, del Foro di Modena,  penalista, esperto in diritto di famiglia e minorile che andrà a sostituire il collega Andrea Emilio Falcetta del Foro di Roma. Una vicenda che aveva suscitato un grande scalpore non solo in Italia ma anche in Russia dove il caso è tutt’ora molto seguito.

Lo scorso 29 marzo – spiega l’avvocato Miraglia – il Pubblico Ministero, Fabrizio Tucci, ha chiuso le indagini che vedono coinvolte le due ragazze che all’epoca dei fatti erano entrambi minorenni. Vista la gravità e la delicatezza della situazione, il prossimo giovedì, 23 maggio, mi incontrerò con il vice console russo a Roma, Vyacheslav Pankov che sta seguendo con molta attenzione la vicenda e che si è messo a disposizione della ragazza e dei suoi familiari. Un atteggiamento che ho apprezzato molto e che spero sia seguito anche dal nostro Ministro dell’Integrazione Cécile Kyenge. Mi auguro infatti che quest’ultimo prenda posizione in merito e convochi al più presto la giovane almeno per farle sentire la vicinanza dello Stato italiano, soprattutto in un momento così delicato per le donne, in cui si parla sempre più di violenza su di esse e di femminicidio”.

Una storia quella di Angelina e Katya (nome di fantasia) che aveva toccato profondamente anche gli abitanti della cittadina di Acquapendente da dove provengono quattro dei cinque ragazzi (uno risiede a Onano) accusati quindi di aver stuprato, la notte del 29 settembre 2012, in un bosco vicino a Montefiascone, le due giovani che erano da poco uscite dalla discoteca Theatrò, dove erano andate a divertirsi. Le due minorenni, invece di ritornare a casa con l’auto che avevano in precedenza affittato, avevano preferito chiedere l’autostop ed erano poi state caricate a bordo dell’autovettura di uno dei giovani.

Secondo la loro testimonianza, il gruppo di ragazzi avrebbero abusato di loro. Il giorno dopo lo stupro Angelina e Katya, si presentarono dai carabinieri per denunciare il fatto. Questi ultimi provvidero immediatamente a sequestrare i vestiti che entrambe indossavano quella notte e il computer della giovane russa per verificare se ci fosse stato uno scambio di messaggio tra lei e qualche appartenente del gruppo prima di uscire per andare a ballare. La vicenda comunque non è ancora chiara e si aspettano, nelle prossime settimane, nuovi svil

imagesCALDJI99

Collaborazione tra gli avvocati Francesco Miraglia e Ulpiano Morcavallo per garantire la tutela dei minori in Italia e all’estero.

By | Comunicati stampa | No Comments

Occuparmi come avvocato di minori e in particolare di adozioni, affidi è sicuramente un’esperienza arricchente che comporta comunque tanto impegno e dedizione. Non si tratta solo di preparare arringhe, di essere convincenti. Dietro a questa tipologia di argomenti si cela un mondo fatto di sentimenti, aspettative, torti, spesso violenza e sofferenza dove protagonisti non sono solo i bambini ma anche le loro famiglie, fatte di genitori e parenti che hanno bisogno di essere sostenuti, rassicurati e soprattutto aiutati a risolvere i problemi e a non perdersi nei cavilli della giustizia, nelle leggi che non si curano molto dell’aspetto “sentimentale”, “umano” che si cela dietro ad ogni loro storia e con la quale ogni giorno mi confronto. Il desiderio di fare qualche cosa di concreto, la fiducia che ho nella “buona” giustizia, la voglia di collaborare con persone che condividano questo mio pensiero mi ha permesso, nei giorni scorsi, di avviare una collaborazione con l’avvocato Ulpiano Morcavallo, ex Giudice della Corte Suprema di Cassazione. Lavorare insieme, per noi, significa non solo continuare ad aiutare coloro che si trovano in difficoltà ma anche fare sì che vengano apportate a livello nazionale ed europeo delle nuove leggi che tutelino i minori e il loro contesto familiare. Un impegno importante che ci siamo presi e che porteremo anche presso la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo di Strasburgo.

Studio Legale Miraglia:

 

Sede di Modena

Tel. +39 059 822698

Fax +39 059 3366455

Cell. +39 388 1053958 ( solo in casi urgenti)

E-mail: info@avvocatofrancescomiraglia.it

E-mail: segreteria.studiomiraglia@gmail.com

PEC: francesco.miraglia@ordineavvmodena.it

Twitter; @miragliainfo

 

torino

Torino: il tribunale schierato contro il minore? Sentenza paradossale che si oppone al diritto del minore alla propria famiglia

By | Comunicati stampa | No Comments

Torino: il tribunale schierato contro il minore?
Sentenza paradossale che si oppone al diritto del minore alla propria famiglia

Torino. Solo pochi giorni fa abbiamo commentato una sentenza ineccepibile del tribunale di Trento che aveva restituito i minori alla famiglia garantendo il loro diritto alla propria famiglia sancito dalla legge italiana, dalla Costituzione e dalle Convenzioni internazionali. Ma sembra che a Torino le cose non stiano proprio così.

Vediamo di sintetizzare questa vicenda che vede la Corte d’appello non solo “schierarsi” contro il minore, ma anche contro le parti e lo stesso Pubblico Ministero competente, arrivando persino a disporre “ex novo” un collocamento etero-famigliare del minore, andando ben oltre le proprie competenze. Infatti, anche un ragazzino al primo anno di giurisprudenza sa che una Corte d’appello non può emettere un decreto ex novo, ma deve solo valutare l’operato del tribunale di grado inferiore, in questo caso il Tribunale dei minorenni.

Non ripercorreremo tutta la storia di questo bambino e della sua mamma. Diciamo solo che per dei presunti problemi psichici della mamma e per degli altrettanto presunti disaccordi della stessa con i nonni materni, il bambino viene collocato presso una famiglia a 100 chilometri di distanza (cosa che puzza molto e solleva il sospetto di un tentativo dissimulato di adozione) arrivando persino a proporre la procedura di adottabilità. Grazie all’ottimo lavoro dell’avvocato Miraglia e dei suoi collaboratori la vicenda viene chiarita, tanto che si dichiarava non esservi luogo a provvedere sull’adottabilità del minore. Ed è qui che interviene come una mazzata a ciel sereno la decisione della Corte d’Appello che decide, di sua sponta, l’affidamento etero-familiare, sebbene il Pubblico Ministero, unico legittimato, oltre ai parenti del minore, non aveva formulato alcuna domanda in relazione all’instaurazione di un procedimento di volontaria giurisdizione e, tanto meno, rispetto alla disposizione di un affidamento etero-familiare del minore, limitandosi a richiedere la sospensione del procedimento di adottabilità ai fini dell’acquisizione di nuove valutazioni ed il ripristino della frequentazione tra il minore e la madre.

A questo punto alla madre non restava che rivolgersi alla Cassazione per contestare l’assurda sentenza della Corte di Appello. Il ricorso è stato quindi presentato dagli studi Francesco Miraglia del foro di Modena e Ulpiano Morcavallo del foro di Roma che recentemente hanno iniziato una proficua collaborazione nel settore della giustizia minorile.

E leggendo il ricorso si scorgono delle ulteriori gravi irregolarità a svantaggio del minore di soli 10 anni che ha sempre chiesto di ricongiungersi alla madre, anche secondo quanto riferito in sede di CTU: “Gli affidatari evidenziavano difficoltà a relazionarsi con [il bambino][…] in quanto D. si ribellava fisicamente, contestava apertamente il loro ruolo, richiamava il potere decisionale della madre … D. affermava di stare bene, pur dichiarando di voler tornare […] a vivere con la mamma, concetto ripetuto in più occasioni anche senza essere sollecitato dalla stessa”. Non si capisce quindi perché la Corte di Appello abbia voluto impedire, illegittimamente come illustrato sopra, il ricongiungimento con la madre.

Un’altra irregolarità riscontrata è la violazione del principio del necessario ascolto del minore, sancito da lungo tempo nell’ambito delle convenzioni sovranazionali in materia. Sebbene il bambino abbia meno di 12 anni, risulta dotato di capacità di discernimento, se è vero che delle sue esternazioni e opinioni, esposte in sede di CTU e di osservazione socio-psicologica, si è tenuto decisivo conto al fine di ravvisare la sussistenza di un solido legame affettivo con la madre e i nonni materni – sì da escludersi l’esistenza del presupposto fattuale per la dichiarazione dello stato di adottabilità – nonché con riguardo all’individuazione di asseriti sintomi di disagio riconducibili alla problematica relazione con la madre.

Oltre a non rientrare nelle sue competenze, la decisione della Corte in merito all’affidamento etero-familiare appare addirittura contraria alla legge. Infatti l’affidamento etero-familiare dovrebbe essere soltanto in funzione di sostegno alla famiglia di origine del minore nell’ottica di una progressiva opera di reinserimento dello stesso minore nella famiglia di provenienza, e dovrebbe prevedere condizioni di frequentazione quanto più possibile assidue tra il minore affidato e i familiari di origine per consentire la conservazione degli affetti familiari e agevolare il suo reinserimento nel contesto familiare originario. La previsione di una frequentazione minima tra il minore affidato e i familiari originari (madre e nonni materni, che sono gli unici soggetti ad avere partecipato costantemente al percorso di crescita del minore) si pone in patente contraddizione con la finalità del disposto affidamento etero-familiare, risultando per conseguenza irragionevole e difforme rispetto al dettato normativo.

Ed infine il giudice non sembra aver tenuto in debita considerazione gli elementi fattuali che gli sono stati presentati. Si sottolinea infatti l’inconsistenza degli elementi sorprendentemente valorizzati dalla Corte che, in definitiva, ha basato la propria decisione su un’affrettata e a-tecnica diagnosi di psicopatologia della madre del minore e sulla supposta sussistenza di un rapporto conflittuale tra quest’ultima e i suoi genitori, nonni materni del bambino, i quali invece in ogni momento dell’istruttoria sono risultati coltivare un profondo legame affettivo con il bambino e con la madre. La Corte invece, in questa sede, non ha preso in considerazione gli orientamenti affettivi del minore esplicitati anche verbalmente, cioè l’intenso e indistruttibile amore nei confronti della madre, che però, paradossalmente, sono stati considerati dal giudice di prime cure per escludere la sussistenza dello stato di abbandono morale. Inoltre rileviamo un’assoluta carenza di esame, da parte del giudice di appello, delle risultanze e degli esiti degli incontri tra il minore ed i nonni materni, il cui effetto rasserenante per il minore avrebbe dovuto condurre a un esito di pronto reinserimento del bambino nell’ambito familiare originario e, quantomeno, presso i nonni predetti.

Siamo certi che la Suprema Corte porterà ordine in questo garbuglio giurisdizionale riportando la vicenda sui binari normativi standard e soprattutto restituendo il minore alla sua famiglia come da lui ripetutamente richiesto. A volte basterebbe semplicemente ascoltare il minore. La legge lo impone, ma a volte i giudici, confusi nei freddi e complessi tecnicismi giuridici, non riescono ad applicarla nella sua semplicità.

 

s
www.ccdu.org

Locandina-Invito-Limena-page-001

“Mai Più Un Bambino” in difesa degli oltre 40.000 minori allontanati dal loro nucleo familiare

By | Comunicati stampa, Varie ed eventuali | No Comments

COMUNICATO STAMPA

Presentazione del libro “Mai Più Un Bambino” in difesa degli oltre 40.000 minori allontanati dal loro nucleo familiare

Sensibilizzare gli adulti e gli addetti ai lavori sulle tematiche legate alla famiglia e soprattutto tutelare i bambini cercando, qualora ci siano situazioni di profondo disagio, di offrire loro un valido supporto psicopedagogico e optare affinché rimangano il più possibile vicini al loro nucleo familiare originario.

Sarà proprio questo uno dei principali argomenti della serata “Mai Più Un Bambino: indagine sociale sul fenomeno dei bambini abusati, sottratti alle famiglie, abbandonati, sottoposti ad abuso diagnostico e terapeutico”, che si terrà il prossimo 29 aprile alle ore 20.45 presso la Sala teatro “Falcone-Borsellino”, in via Roma n. 44 a Limena (Padova).

L’iniziativa, promossa dal Comune di Limena e dall’Istituto Nazionale di Pedagogia Familiare (INPEF) di Roma sarà moderata dalla dott.ssa Monia Gambarotto, conduttrice di Caffè TV 24 e vedrà la partecipazione del sindaco della cittadina Giuseppe Costa e dell’assessore ai Servizi sociali, Stefano Tonazzo. Tra gli ospiti l’avvocato Francesco Miraglia del Foro di Modena, la prof.ssa Vincenza Palmieri dell’INPEF e l’onorevole Antonio Guidi, ex ministro per la Famiglia, autori del libro “Mai Più Un Bambino” (Armando Editore, 2013) oltre che il giudice del Tribunale per i Minorenni di Bologna, Francesco Morcavallo.

“”Mai Più Un Bambino” – spiega l’avvocato Miraglia – non è soltanto il titolo del libro che presenteremo questa sera ma è una vera e propria petizione che stiamo portando e facendo conoscere in tutta Italia e che ci auguriamo venga sottoscritta da molti. Petizione, va ricordato, che si propone di realizzare una serie di azioni pratiche per aiutare i bambini che sono stati allontanati dalle loro famiglie e che nel 2010, in Italia, sono stati circa 40.000 (di età compresa tra 0 e 17 anni). Un dato decisamente allarmante. Diversi i motivi che hanno spinto gli Enti preposti a compiere questo atto. Per il 37% dei casi il motivo è stato l’inadeguatezza genitoriale, per il 9% la dipendenza dei genitori, per l’8% i problemi relazionali tra i genitori, per il 7% i maltrattamenti e l’incuria e infine il 6% è dipeso dai problemi sanitari dei genitori. Allontanamenti che hanno portato i bambini a vivere in case famiglie o altre strutture che spesso si sono rilevate incapaci di tutelarli e curarli. Proprio per evitare che questa situazione si riproponga, insieme agli altri autori della pubblicazione, stiamo proponendo nelle sedi opportune una serie di iniziative legislative per garantire loro una maggiore tutela e benessere sociale, oltre ad informare e sensibilizzare le famiglie e gli addetti ai lavori su questa problematica attraverso la partecipazione e organizzazione di convegni (in Senato, alla Camera, presso la Presidenza del Consiglio, in Campidoglio), seminari, serate, incontri in tutta Italia”.

 

images (1)

SVOLTA IMPORTANTE NEL CASO DELLA FAMIGLIA CAMPARINI. ACCOLTO IL RICORSO IN CASSAZIONE

By | Comunicati stampa, Varie ed eventuali | No Comments

COMUNICATO STAMPA

SVOLTA IMPORTANTE NEL CASO DELLA FAMIGLIA CAMPARINI. ACCOLTO IL RICORSO IN CASSAZIONE PER RIOTTENERE LA PROPRIA BAMBINA

Un ulteriore passo in avanti sembra compiersi nel processo che vede come protagonista la famiglia Camparini che, da oltre sei anni, sta combattendo per riottenere l’affidamento della figlia naturale, A.G. Il prossimo 13 maggio, infatti, la vicenda di AG sarà discussa dalla Corte di Cassazione prima sezione civile in udienza pubblica.

Il ricorso in Cassazione, è stato presentato lo scorso ottobre dall’avvocato Francesco Miraglia, del Foro di Modena, legale dei coniugi, ove ancora una volta si rivendicava la mancanza di qualsiasi presupposto di fatto e di diritto sulla dichiarazione di adottabilità di A. G..

Questa notizia – spiega Gilda Fontana – mi ha provocato mille emozioni. In un primo momento ho avuto un attacco di panico perché ho paura di illudermi per l’ennesima volta. Inoltre temo che questa situazione possa creare disagio a mia figlia. Ma poi, pensando al bene che le voglio, sono positiva. Non provo né rancore, né vendetta per coloro che sono intervenuti in questa vicenda. Ho fiducia nella giustizia nonostante tutto ciò che abbiamo vissuto sulla nostra pelle in questi anni. Mi colma di gioia pensare che c’è qualcuno che finalmente leggerà, con la dovuta attenzione, le carte processuali. Io continuo a lottare, non posso lasciare a metà questa battaglia perché so di avere ragione, non voglio che qualcuno si intrometta nella vita della mia bambina e della nostra famiglia. Nostra figlia ha il diritto di sapere chi è, di conoscere pregi e difetti del suo nucleo familiare. Questa consapevolezza mi dà la forza di continuare a combattere. Credo ancora nella giustizia divina e spero in quella umana grazie anche al coraggio e alla forza che, in questi anni, il mio avvocato mi ha sempre dato, consentendomi di non deprimermi e di andare avanti con dignità”.

“Siamo in un momento delicato e importante del processo, – sottolinea l’avvocato Francesco Miraglia anche perché il fatto che il ricorso sia stato, al momento dichiarato ammissibile e meritevole  di discussione pubblica ci fa ben sperare.

Una tappa importante quindi quella che stanno per vivere i coniugi Camparini, dopo un lungo calvario sia processuale che umano. Una vicenda, iniziata nel 2007, quando il Pubblico Ministero di Reggio Emilia, dott.ssa Maria Rita Pantani, chiede che venga effettuata una perquisizione all’interno dell’abitazione dei coniugi Camparini alla ricerca di sostanze stupefacenti. Durante l’intervento i Carabinieri non rinvengono nulla ma la loro attenzione, invece, si sposta sulla piccola A.G. che, all’epoca, ha due anni. I militari decidono di inviare un’informativa al Tribunale dei Minori di Bologna segnalando la presenza della minorenne e di un “presunto stato fatiscente dell’abitazione”. Come vuole la prassi, intervengono i Servizi Sociali che confermano quando precedentemente affermato dalle Forze dell’ordine pur senza recarsi in loco né tantomeno preoccupandosi di incontrare i genitori per capire la reale situazione familiare. In seguito, il 23 giugno 2008 il Tribunale di Bologna stabilisce che la piccola A.G. debba essere portata in un Istituto dove può vedere regolarmente i genitori sotto il controllo dei Servizi Sociali di Reggio Emilia. E sono proprio questi ultimi ad affermare, in seguito, che la bambina può ritornare in famiglia. Parere che non viene accolto dal Giudice minorile di Bologna. La situazione precipita nel 2010 quando Gilda Fontana e Massimiliano Camparini vengono a sapere che la loro bambina potrebbe essere affidata. Decidono quindi di portarla via dall’istituto in cui è collocata per poi riconsegnarla alle Autorità. Questo gesto li vedrà indagati per sottrazione di minore. A questo punto il Tribunale per i Minorenni di Bologna chiede che vengano fatti nuovi accertamenti. I genitori temono il peggio e il 16 luglio 2010 decidono di scappare in Svizzera con la bambina. Un atto che pagheranno con il carcere.

 

modena

L’AVVOCATO FRANCESCO MIRAGLIA ASSOLTO DALL’ACCUSA DI DIFFAMAZIONE NEI CONFRONTI DELL’ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MODENA

By | Comunicati stampa | No Comments

L’AVVOCATO FRANCESCO MIRAGLIA ASSOLTO DALL’ACCUSA DI DIFFAMAZIONE NEI CONFRONTI DELL’ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MODENA

Secondo la sentenza il fatto non costituisce reato.

 

“Assoluzione perché il fatto non costituisce reato”. Questo quanto deliberato lo scorso 22 febbraio 2013 nell’aula del Tribunale di Mantova, presieduta dal Giudice Matteo Grimaldi, a seguito del processo che vedeva come protagonista l’avvocato Francesco Miraglia del Foro di Modena e l’Ordine degli Avvocati della stessa cittadina.

Oggetto del contendere: una lettera dal titolo “Abolire l’Ordine Avvocati?” che lo stesso Miraglia aveva inviato al quotidiano “La Gazzetta” di Modena” e che era stato pubblicato nella sezione cronaca, il 24 gennaio 2006. Nella missiva si faceva riferimento alle elezioni dei membri del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati per l’anno 2006/2007 e veniva sottolineato: “E non per caso nel voluminoso programma dell’Unione, presentato da Prodi, figura in primo piano l’abolizione degli Ordini Professionali, nella fattispecie l’Ordine degli Avvocati, oramai considerati inutili carrozzoni corporativi che difendono, non già l’interesse dei cittadini che hanno a che fare con la giustizia lentissima, discriminante, ingiusta e costosissima, ma un gruppo elitario di avvocati che usano l’Ordine in nome e per conto dei propri interessi. […] La cosa grave è che per noi avvocati non esistono opzioni nel senso di aderire o meno all’Ordine: siamo obbligati a pagare la tassa e a sottolineare, spesso, a prepotenze e/o vendette di chi in quel periodo sta ai vertici. Con l’aggravante di aver recato offesa con il mezzo della stampa”.

Contenuto che aveva destato il malcontento di una ventina di avvocati che si erano quindi resi parte civile e accusato il loro collega di diffamazione richiedendo anche allo stesso il risarcimento dei danni.

Richiesta che però, il Tribunale di Modena ha respinto adducendo che malgrado sia chiaro che il destinatario reale e apparente delle affermazioni dell’imputato sia il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Modena, non vi siano comunque gli estremi del “delitto di diffamazione a mezzo stampa” in quanto l’avvocato Francesco Miraglia, come previsto dalla stessa Costituzione, ha esercitato semplicemente il proprio legittimo diritto di critica, come previsto dalla Costituzione italiana. In particolare nella sentenza si legge: “Nel caso di specie, risultano rispettati tutti i limiti dell’esercizio legittimo del diritto di critica, essendo ravvisabile nelle espressioni utilizzate dall’imputato un nucleo di veridicità (con particolare riferimento alla circostanza che “non esistono opzioni nel senso di aderire o meno all’Ordine”), essendo notorio come l’iscrizione all’Ordine degli Avvocati sia condicio sine qua non per l’esercizio della professione forense: ovvero alla circostanza che effettivamente nel programma del partito politico citato nella missiva fosse prevista l’abolizione degli Ordini degli Avvocati. Risulta altresì rispettato il limite della continenza, non essendo state utilizzate espressioni trasmodanti in attacchi gratuiti e violenti all’Ordine degli Avvocati di Modena o adoperati termini gravemente oltraggiosi o di dileggio. Infine, deve ritenersi esistente l’interesse pubblico, provenendo le critiche all’Operato del Consiglio dell’ordine degli Avvocati di Modena da un soggetto iscritto al medesimo Ordine”.

mai più un bambino_ok

“MAI PIU’ UN BAMBINO”: un incontro, un libro e una petizione per denunciare i maltrattamenti subiti dai bambini nelle case famiglia e l’importanza della genitorialità

By | Comunicati stampa | No Comments

 

 

COMUNICATO STAMPA

 

“MAI PIU’ UN BAMBINO”: un incontro, un libro e una petizione per denunciare i maltrattamenti subiti dai bambini nelle case famiglia e l’importanza della genitorialità

 

 

 

La difesa dei diritti negati ai bambini non ha confini né spazi definiti. E’ importante che la gente comune, le autorità, le persone che lavorano in questi ambiti sappiano cosa avviene oggi in alcune case famiglie e che le strutture che presentano evidenti carenze igienico-sanitarie, ma non solo, vengano denunciate alle autorità competenti. Ne va della felicità di questi futuri adulti”. Con questo intento, Francesco Miraglia, Avvocato del Foro di Modena, Cassazionista ed Esperto in Diritto di Famiglia e Minorile, interverrà, il prossimo 17 febbraio, al Convegno “Mai più un bambino, solo, abusato, istituzionalizzato” durante il quale interverranno anche l’Onorevole Antonio Guidi, Neuropsichiatra infantile e già Ministro della Famiglia, Francesco Morcavallo, Giudice del Tribunale per i minorenni di Bologna, Sonia Gradilone, Avvocato e Responsabile per il Sud Italia del Servizio Polifunzionale Adozioni Internazionali, Vincenza Palmieri, psicologa e Presidente dell’Istituto Nazionale di Pedagogia Familiare (INPEF), Antonella Flati, Presidente di Pronto Soccorso Famiglia. Il tutto sarà coordinato dal giornalista Saverio Paletta.

 

Oggetto dell’incontro, che si terrà a partire dalle ore 17 presso il Museo del Presente, piazzale John Fitzgerald Kennedy a Rende (Cosenza), il bambino e il suo ruolo all’interno della famiglia e non solo. Si rifletterà sulle problematiche e le relazioni tra genitori e figli, sull’importanza di altre figure parentali come ad esempio quella dei nonni, verrà sottolineato come sia fondamentale, prima di intervenire in modo drastico, che la famiglia possa essere aiutata da figure di supporto quali ad esempio quella del pedagogista familiare. Inoltre si parlerà dell’allontanamento e dell’inserimento dei minori in strutture specifiche, quali ad esempio le case famiglia, mettendo in evidenza l’attuale realtà italiana (verranno forniti dati specifici) e come questi centri, se mal gestiti e non controllati debitamente, possano danneggiare seriamente lo sviluppo psichico e fisico del minore.

 

Contenuti e tematiche che proprio l’Avvocato Miraglia, l’Onorevole Guidi e la Prof.ssa Palmieri hanno raccolto nel libro “Mai più un bambino”, (Armando Editore, 2013) presentato lo scorso 31 gennaio presso il Senato della Repubblica e che contiene al suo interno anche una petizione, che verrà portata e fatta conoscere in tutta Italia, dove si chiede in modo esplicito alle Istituzioni di fare qualche cosa di tangibile per i bambini, affinché  “Mai più un bambino sia abusato, abbandonato, sottratto alla sua famiglia, drogato, violentato, sottoposto ad accanimento diagnostico e terapeutico, mercificato, legato”.

 

 

Locandina-Invito-Senato 1

“Mai più un bambino”: denuncia contro la violazione dei diritti dei bambini, la loro psichiatrizzazione e il loro inserimento nelle case famiglia.

By | Comunicati stampa | No Comments

Sempre con maggiore insistenza i telegiornali e i giornali nazionali denunciano i maltrattamenti subiti dai bambini, il loro allontanamento dalle famiglie di origine e la loro psichiatrizzazione.

A indignare l’opinione pubblica è stato, di recente, il caso del piccolo di Cittadella (Padova), che lo scorso ottobre, è stato prelevato da scuola dalle Forze dell’ordine per essere portato in una struttura protetta, dopo la decisione del giudice di affidarlo al padre. Notizia prontamente trasmessa, in prima serata, dalla trasmissione “Chi l’ha Visto” e che ha destato numerose polemiche.

Ed è proprio questa ennesima vicenda di violazione dei diritti dei minori che ha portato l’avvocato Francesco Miraglia di Modena, la Prof.ssa Vincenza Palmieri e l’Onorevole Antonio Guidi entrambi di Roma a scrivere un libro sull’argomento dal titolo “Mai più un bambino (2013, Roma, Armando Editore), arricchito dalla postfazione del Giudice del Tribunale per i Minorenni di Bologna, Francesco Morcavallo.

Pubblicazione che verrà presentata il prossimo 31 gennaio a Roma, presso la Sala Palazzo Bologna del Senato e che vedrà anche l’intervento, attraverso un video, di “Capitano Ultimo”, cioè il Colonnello dei Carabinieri Sergio De Caprio che nel 1993 arrestò Salvatore Riina, (sulla cui vicenda è andato in onda di recente, su Canale 5, il film “L’occhio del falco”, interpretato da Raul Bova) e che, a Roma, ha aperto una casa famiglia.

Un libro che “denuncia” con dati ed esempi specifici come in Italia un numero elevato di minori viene sottoposto a trattamenti sanitari obbligatori o collocato in case famiglia.

Basti pensare, solo per citare qualche esempio, che 70 bambini all’anno ricevono un trattamento sanitario obbligatorio e 6.000 vengono ricoverati nei reparti di psichiatria (ISTAT) spesso contro la loro volontà e di quella dei genitori.

Sempre nel nostro Paese, 300.000 “piccoli” vengono collocati in casa famiglia con un costo giornaliero che va dai 200 ai 400 euro.
Sempre più minorenni, inoltre, vengono sanitarizzati a causa di Disturbi legati all’apprendimento quali la dislessia, la disgrafia e la disortografia, (32% i bambini del Sud e il 17% del Nord).

Dati “allarmanti” che inducono gli autori a fare una serie di riflessioni, a raccontare e documentare casi vergognosi, a suggerire interventi mirati, sottolineando, ad esempio, come l’allontanamento dei bambini dai genitori spesso produca effetti ancora più traumatici per il minorenne, sottolineando che i servizi sociali, spesso con una certa facilità, favoriscono questo fenomeno quando invece, un buon sostegno educativo genitoriale sarebbe bastato, o ancora si chiedono se le case famiglie non siano spesso piuttosto un businnes sulla pelle dei bambini che non una forma di aiuto effettivo nei loro riguardi considerando anche che queste ultime non vengono spesso adeguatamente monitorate da chi di dovere.

Nel libro vengono poi affrontati altri argomenti quali l’importanza del contesto familiare, della genitorialità, della formazione di figure professionali specifiche che possano seguire in modo adeguato la famiglia come ad esempio quella  del  pedagogista e suggerite proposte istituzionali e legislative specifiche, oltre ad una petizione, per cercare di sensibilizzare la cittadinanza, gli “addetti ai lavori” in quanto “non ci si può occupare dei minori e non avere fretta, urgenza, guardare al tempo come alla condanna peggiore”, bisogna “arrivare prima di un adulto abusante, prima di una perizia, prima di una sentenza, di una riforma, di “una volante”.